Marescoop.com
Welcome to Marescoop.com

Home PageForumsDownloadsLinksArgomentiRelittiDownload Utenti Registrati
  Benvenuto Anonimo  Registrati: registrazione gratuita  
--- Ultime Notizie ---|    COMUNICATO IMPORTANTE - 21-03-16    ||    DECOMPRESSIONE: QUELLO CHE NON VI HANNO MAI DETTO E CHE FORSE MAI VI DIRANNO - 13-02-16    ||     - 28-11-15    ||    HAVEN - DUE MORTI E UN FERITO GRAVE - 16-05-15    ||    GLI OCCHI DEL MARE - 08-04-15    ||    LA STORIA INFINITA - 07-04-15    ||    oggi faccio 66 anni - 21-09-14    ||    CODICE ROSSO! SERVE L'ELICOTTERO - 12-11-13    ||    LA CONCORDIA EMERGE DALLE ACQUE DEL GIGLIO - 09-10-13    ||    UNA FESTA DELLA MARINERIA MONDIALE - 08-10-13    |------
  Utenti Nuove Registrazioni
Benvenuto, Anonimo, registrarsi è gratis
Nickname
Password



Iscrizione:
Ultimo: Check the profile of antonio antonio
Registrati oggi: 0
Registrati ieri: 0
Complessivo: 3691

Persone Online:
Visitatori: 561
Iscritti: 0
Nascosti: 0
Totale: 561


Ultimi iscritti
   antonio  +++  Andre88  nik94  zose
  FORUM
Last 20 Forum Messages

ordinanze su configurazione
Last post by grongo in Leggi Decreti Disposizioni on Apr 12, 2019 at 17:06:23

CECITA' DA DISATTENZIONE
Last post by grongo in L'esperto Risponde on Aug 01, 2017 at 15:48:27

Incidente a Ustica con rebreather
Last post by delfinobianco in Report Incidenti Subacquei on Jun 16, 2017 at 16:38:19

Articolo relativo a vitamina b6 e amnioarginina
Last post by grongo in Ricreativa on May 16, 2017 at 12:41:59

Articolo su Nave Costa Concordia
Last post by maryj in Storia Militare e Navale on Mar 12, 2017 at 12:26:53

Nuova tragedia a Palinuro - 3 sub perdono la vita
Last post by Ferry in Report Incidenti Subacquei on Aug 22, 2016 at 14:29:00

Latina Foce Verde
Last post by mandatrix in Report Incidenti Subacquei on Jul 17, 2016 at 16:21:48

douglas C-47 dakota
Last post by bube in Relitti on Jun 23, 2016 at 10:41:15

ritrovato sottomarino inglese
Last post by bube in Relitti on May 26, 2016 at 14:14:33

Morte Wes Skyles - Caso approda in Tribunale
Last post by maryj in Rebreather on May 21, 2016 at 10:40:16

Sensore O2 non galvanico (Solid State)
Last post by maryj in Rebreather on Apr 23, 2016 at 09:27:20

incidente sub
Last post by bube in Report Incidenti Subacquei on Apr 21, 2016 at 10:50:40

L.B.
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Apr 18, 2016 at 22:09:16

Anche quelli col turbante si fanno beffe dell'Italietta e de
Last post by maryj in Storia Militare e Navale on Apr 08, 2016 at 12:32:21

relitto evdochia
Last post by grongo in Report Incidenti Subacquei on Apr 02, 2016 at 10:35:19

www.edicolamarescoop.com
Last post by maryj in Comunicazioni on Mar 08, 2016 at 18:10:47

Scompare
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Mar 06, 2016 at 14:29:37

364 morti da rebreather
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Feb 21, 2016 at 22:47:18

"A proposito di Rebreather"
Last post by delfinobianco in Rebreather on Feb 14, 2016 at 19:15:18

Malore al Giglio (tutto chiaro!)
Last post by delfinobianco in Report Incidenti Subacquei on Dec 17, 2015 at 12:04:11


[ Marescoop.com ]
  Gestione Utenti
Al momento c'è un problema con questo blocco.
  Argomenti Trattati
· Annunci economici - proposte affare
· Leggi e Disposizioni sulla Subacquea
· News per Apnea
· Notizie di cronaca subacquea e non
· Notizie Meteo per subacquei
· Offshore e subacquea professionale
· Recensioni Libri Video Sub
· Relitti e Storia
· Speleologia subacquea
· Subacquea sportiva profonda e/o tecnica
· Tecnologia e salute
  Contatti
Direttore

Moderatori
  
Marescoop.com: Forums

www.marescoop.com :: Leggi il Topic - Te la do io la configurazione!!
 FAQFAQ   CercaCerca   Gruppi utentiGruppi utenti   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Te la do io la configurazione!!
Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Ricreativa
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
johnnydeep
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 20, 2007
Messaggi: 593
Località: Messina

MessaggioInviato: Lun Gen 14, 2008 5:28 pm    Oggetto: Te la do io la configurazione!! Rispondi citando

Per fare il verso ad una famosa trasmissione " te la do io l'america".

Rec o Tek che tu sia andare in acqua correttamente e' sempre un must..
Ogni didattica tek ti da degli standard e ti configra in un certo modo.
Ti da " consigli" su come o cosa comprare. Sai come la penso, non sono il tipo che si fa "standardizzare" da una didattica solo perche' un tipo dice che e' il modo migliore di andare in acqua!!!
Io preferisco ragionare con la mia testa, credo che ognuno abbia un suo modo di intendere la subacquea ed un suo modo per configurarsi e sentirsi sicuro non mi faccio riempire la testa dalle didattiche.

Io mi sono fatto una mia idea. Per molti l'acqua calda, per molti delle assurdita' e mi daranno addosso con mille critiche, fa niente.
Per pochi, che la pensano come me e mettono sempre in dubbio ogni cosa, sara' il modo per riflette e se ne hanno voglia di confrontarsi.
Sono pronto alle vs critiche, ma mi piacerebbe di piu' si discutesse e si dessero dei motivi alle proprie scelte. Vorrei soprattutto imparare da voi..

Ecco come concepisco le parti essenziali della configurazione.

- gav a gonfiaggio posteriore con spinta non maggiore di 25Kg ( e' gia' piu' che sufficiente ) Schienalino in metallo cosi' un po di zavorra e' ben distribuita e non ti rompe la schiena.
Anche se hai molte bombole non c'e' necessita' di spinte assurde. Impara da chi va in grotta. Tutto il materiale che hai addosso deve essere neutro o meglio APPENA negativo, quindi non c'e' bisogno di 40kg di spinta. Le bombole deco le cominci Ad usare in salita e se vedi che cominciano a galleggiare puoi portare con te qualche chiletto appeso ad un moschettone che appendi alla bombola che comincia a galleggiare. Nella peggiore delle ipotesi un 7 litri dal quale consumi 100Atm si puo' alleggerire di non piu' di 700gr!! Quindi strisce di airex o simile fissato sulle decompressive con elastici da camera d'aria.
Vantaggi del gav a gonfiaggio post: miglior assetto in acqua, piu' idrodinamico, non ti soffoca, piu' facile da indossare a patto che non abbia mille fibbie inutili, piu' robusto se bisacco. Neccessario valvola di gonfiaggio a pistone ed in acciaio e spallacci assolutamente senza imbottitura rigidi e semplici. Se metti BENE gli elastici l'aria si distribuisce comunque in maniera uniforme ( qualche didattica aborrisce dall'uso degli elastici), non e' vero che si sgonfia troppo velocemente ( come dice qualcuno), perche' la forza di trazione di un elastico e' comunque trascurabile rispetto alle differenza di presione interno/ esterno che tende a comprimere la sacca. Una sua utilita' cel'ha, la sacca si riduce ed e' piu' idrodinamico. Comunque elastico si elastico No devo ancora decidere.

- Erogatori e fruste
I primi vanno bene tutti purche' ovviamente DIN e che siano di livello adeguato alle immerisioni che fai, che ti diano tanta aria ma senza autoerogare. Le fruste devono essere di buona qualita'. Il manometro meglio se con un fondo scala a 400bar ma non e' assolutamente necessario.
La posizione dell'erogatore e' facoltativa, Ok, sono d'accordo sul tenere il secondo al collo e donare quello che hai in bocca, ma non condivido ASSOLUTAMENTE quella frusta assurda da 1.5 o 2mt. Non andiamo in grotta quindi se dobbiamo condividere l'aria, o siamo in deco, e puoi starmi tranquillamente davanti o se dobbiamo fare un po di strada insieme puoi stare sopra la mia bombola e respirare dal mio primo.

Una di.r.tattica famosa dice che bisogna essere puliti e semplici. Dimmi se e' piu' pulita e semplice una frusta corta o una frusta lunga che ti gira attorno al collo e che in caso devi togliere il gav se ne va in giro tipo una serpe impazzita. Pensa se ti va in erogazione continua, come cavolo lo afferri???

- Bibo assolutamente con separatore
Per certe immersioni ci vuole il bibo. Non ne faccio una questione di quantita' di aria ( anche se sto invecchiando anche io..... Smile ma una questione di sicurezza. Il mono se ti scoppia una frusta di alta pressione, o si estrude un o-ring ( e ti assicuro che sono anche esplosi primi stadi blasonati) sei fottuto o al meglio torni con il compagno. Bisogna saper separare le bottiglie DA SOLI.

-Muta
Stagna d'inverno umida d'estate. Qui non sono d'accordo con il discorso ridondanza gav offerta dalla stagna ma mi metterei una stagna d'estate solo se so che dovro' fare deco lunghe e potrei sentire freddo. Altrimenti se sei ben zavorrato anche senza gav ne vieni fuori comunque. E poi parte della zavorra si puo' sempre sganciare. Ecco, qui proporrei una novita' ( o magari gia' esiste??) una zavorra parzializzata. Ovvero un meccanismo che ti permette all'occorrenza di scaricare 1 o 2 Kg per agevolare una risalita senza gav, mantenendoti addosso quello che ti serve per non pallonare non appena arrivi a quote deco.

- Pinne
Le pinne vanno bene tutte purche' ci sei abituato e le tue gambe vanno d'accordo con il carico offerto da quella particolare pinna. Unica cosa che condivido sono le molle perche' le rendono semplici da indossare e non si rompono come potrebbe fare un conghiolo in gomma. Non credo che le tec fin siano particolarmente efficienti, sono pesanti e dure. Vanno bene in grotta perche' sono corte, ma in mare con correnti avverse non credo siano granche'.
( confermato da gente che ne ha confrontato l'efficienza con altre piu' moderne)

- torce
tutte quelle che vuoi purche' siano adatte in durata all'immersione che devi fare e che non siano pesanti o ingombranti. Meglio se con pacco batterie separato che ti lascia le mani libere di operare.

- coltello
Il coltello va bene, fissato su uno spallaggio, non dovresti avere nulla che si puo' impigliare in punti dove e' difficile arrivare ( polpaccio) ma anche un tronchesino da qualche parte facilmente raggiungibile. Ti vorrei vedere a tagliare un monofilo in nylon del 100 con un coltello!!!

Detto questo fatemi a pezzi...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
johnnydeep
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 20, 2007
Messaggi: 593
Località: Messina

MessaggioInviato: Mar Gen 15, 2008 2:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

devo desumere che, vista l'assenza di risposte, o andate gia' in acqua cosi' , ed io ho scoperto l'acqua calda o non ve la sentite di rivedere delle scelte sulla vs attrezzatura.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
speedysub
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: May 22, 2006
Messaggi: 1062
Località: Riviera del Conero (AN)

MessaggioInviato: Gio Gen 17, 2008 2:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Rispondo io Johnny, dato che trovo molto interessante questo topic ed io ho una cura MANIACALE per la mia attrezzatura. Inoltre, sono sempre pronto a modificare qualcosa per MIGLIORARE... Wink

Praticamente io vado in acqua così, e nonn mi sembra che ci siano grosse differenze con la tua configurazione.... Smile

GAV
Possiedo sia un gav tradizionale, sia un gav a gonfiaggio posteriore con spinta di 27 litri (più che sufficiente a sostenere bombole e stage), che uso alternativamente a secondo del tipo di immersioni che voglio fare. Il mio gav “tek” ha lo schienalino in acciaio da 4 kg, così la mia zavorra è meglio distribuita e non mi pesa sulle reni. Ho sperimentato che anche se ho diverse bombole addosso, non occorre che il mio gav dia una spinta esagerata: 27 litri bastano e avanzano!
Il gav a gonfiaggio posteriore ha diversi vantaggi che ho potuto sperimentare: un miglior assetto in acqua, una maggiore idrodinamicità, una minore oppressione sul torace, una maggiore facilità nell’indossarlo ed essendo bisacco, anche una maggiore robustezza. Il mio vis (la valvola di gonfiaggio) è in acciaio e a pistone. Gli spallacci sono semplici, senza imbottitura e abbastanza rigidi. Trovo che gli elastici siano utili per ridurre il volume del sacco e rendere il gav più idrodinamico quando è sgonfio. Qualche didattica tecnica critica l’uso degli elastici, ma, a mio avviso, non è vero che il gav con gli elastici si sgonfia troppo velocemente, perché la forza esercitata dagli elastici è assolutamente trascurabile rispetto alla differenza di pressione interno/esterno che tende a comprimere il sacco già scendendo a pochi metri di profondità.

EROGATORI E FRUSTE
Per me vanno bene tutti gli erogatori, sia a membrana che a pistone, purché abbiano il doppio attacco DIN e siano di livello “adeguato” rispetto alle immersioni che si fanno. E’ giusto che gli erogatori diano aria a sufficienza quando si è profondi e lo sforzo inspiratorio è maggiore, ma non devono mai andare in autoerogazione, perciò la taratura del primo stadio è molto importante e va controllata periodicamente.
Le fruste devono essere di buona qualità e vanno anch’esse controllate periodicamente. Io mi trovo molto bene con le fruste “super flow”, di sezione ridotta e molto flessibili. Anche la loro lunghezza è importante. Non devono mai essere penzolanti (come del resto nessun altro componente dell’attrezzatura) e non devono essere esageratamente lunghe, per evitare che possano impigliarsi (specialmente durante le penetrazioni in un relitto). Io normalmente uso la configurazione “hogartiana”, con una frusta lunga 220 cm per l’erogatore principale (quello da donare eventualmente al compagno in difficoltà, senza che ciò limiti i movimenti, come avverrebbe se la frusta fosse solo di 100 cm) e una frusta da 70 cm per il secondario, che porto attaccato al collo con un elastico sufficientemente corto da permettermi di afferrare il boccaglio senza usare le mani, in caso di necessità. Il manometro (il migliore è quello a bagno d’olio) deve essere di buona qualità e possibilmente avere un fondo scala a 400 bar. La tenuta dei suoi piccoli o-ring e delle fruste, va tenuta sotto controllo.
Una didattica tecnica molto famosa sostiene il cd. “minimalismo”, affermando che l’attrezzatura deve essere pulita e semplice. Chi ha avuto modo di fare penetrazioni in grotte o in relitti sa quanto sia giusta questa affermazione! Ad ogni modo, io per il bibombola uso 2 manometri separati: uno per ciascuna bottiglia: mi è capitato alcune (poche per fortuna) volte di dover chiudere il manifold, in questo modo, ho potuto terminare la mia immersione tranquillamente, sapendo esattamente la scorta di gas che mi era rimasta.

BIBO CON SEPARATORE CENTRALE (rubinetto manifold)
Per certe immersioni ci vuole il bibombola, non tanto e non solo per una questione di scorta di gas, quanto per una questione di sicurezza. Con il monobombola se scoppia una frusta di alta pressione, o salta un o-ring (e capita molto più spesso di quanto non si sia portati a credere….) non c’è molto da fare e, se va tutto bene, si riesce a tornare in superficie solo con l’aiuto del proprio compagno. Quindi, bisogna essere in grado di separare le bottiglie da soli e velocemente ed è un esercizio da ripetere spesso, per acquisire una certa pratica nella manovra.

MUTA
Di norma io uso la stagna d'inverno e la umida d'estate (eventualmente semistagna). Ho 4 mute in neoprene: da 3 mm, da 5mm e da 7 mm umide e da 4 mm stagna; ma, ultimamente, sto imparando ad apprezzare la stagna anche d’estate, specie se so che dovrò fare lunghe decompressioni e potrei sentire freddo e, comunque, a 50 metri non fa mai caldo!

ZAVORRA
Ultimamente uso una zavorra parzializzata, con 4 o 6 kg in cintura e 1 o 2 kg nelle tasche del gav, che all’occorrenza posso togliere, diventando subito positivo quel tanto che mi basta per una risalita senza pallonare non appena arrivo a quote deco. Inoltre, in caso di emergenza, evito di “sacrificare” una costosa cintura con sacchetti di piombini nichelati, che è quella che uso abitualmente (uso i sacchetti perché fanno meno male sui fianchi rispetto ai piombi tradizionali).

PINNE
Le pinne che uso da qualche anno sono di pura gomma e sono abbastanza negative: questo mi aiuta nell’assetto. Io mi ci sono abituato subito e non ho mai avuto problemi di crampi. Inoltre, nel nuoto a rana questo tipo di pinne dotate di grandi fori di scarico dell’acqua, esprimono il massimo della loro potenza. Le mie pinne hanno un mollone posteriore che le rende facili da indossare ed è quasi impossibile che si aprano o che si rompano, come potrebbe accadere con un cinghiolo in gomma.

TORCIA
Si è molto discusso sui vari tipi di lampade da utilizzare. Personalmente utilizzo ancora una alogena da 50 watt non molto pesante e ingombrante; mentre per il backup ho due alogene da 10 watt che stanno comodamente nella tasca del mio gav. Le lampade a LED hanno il vantaggio di una maggiore autonomia, ma di giorno sono assolutamente inefficaci. Molto valide sono le lampade HID a scarica di gas, meglio se con pacco batterie separato che lascia le mani libere di operare.

COLTELLO
Il coltello (io ce l’ho molto piccolo e affilato) lo porto fissato su uno spallaccio con l’impugnatura rivolta all’ingiù, per non avere nulla che si possa impigliare in punti dove sarebbe difficile arrivare (ad esempio il polpaccio, che fa tanto “Rambo”, ma è davvero scomodo), ma ho sempre con me anche un tagliasagole con il fodero, che tengo attaccato in cintura (che è molto più efficace, perché lavora in trazione e necessita di una mano sola) e sto valutando di sostituire il mio coltello con un tronchesino.

PALLONE, REEL E SPOOL
Un attrezzo tanto fastidioso quanto utile, anzi, in alcuni casi indispensabile! Io ho un normale piccolo pedagno (o boa segna sub) con un piccolo spool da 30 m che porto nella tasca del mio gav o attaccato alla stage con un elastico e che utilizzo per le deco in acqua libera. Ed ho anche un pallone più grosso con ingresso a becco d’anatra (più difficile da sgonfiarsi) e con valvola di sgonfiaggio, che utilizzo con un reel di 50 metri per le immersioni più impegnative. A volte il rocchetto staccato dal pallone lo utilizzo anche come filo d’Arianna per immersioni in grotta, su relitto o con scarsissima visibilità (in questo caso mi è utile per ritornare all’ancora!).

COMPUTER, BUSSOLA E TABELLE
La bussola è sempre sul mio braccio sinistro! Per quanto riguarda il computer, nonostante le didattiche tecniche sostengano l’inutilità del computer (deco mnemonica, ratio deco, ecc.), io il computer subacqueo lo utilizzo sempre! E’ molto comodo e non vedo perché me ne dovrei privare. Anzi, in caso di immersioni profonde ne porto appresso due! Poi, cerco di non dimenticare mai l’uso delle tabelle (che però non mi porto spesso in immersione), ma preferisco utilizzare i software decompressivi (ad es. Zplan) con i quali pianifico le mie immersioni più impegnative a terra, assieme al mio compagno, e riporto i dati su una lavagnetta a fogli mobili che ho sul braccio e su strisce di scotch che attacco alla mia stage.

CORAGGIO! Fuoco alle polveri! Leggete, discutete, criticate, suggerite, ma...fate i bravi, tanto Old Marcello va in acqua come cacchio gli pare...!!! Wink

Scherzi a parte, sono prontissimo ad accettare le vostre critiche e i vostri suggerimenti, ma preferirei che chi interverrà mi spiegasse i MOTIVI delle sue scelte eventualmente diverse dalle mie e, soprattutto, vorrei IMPARARE QUALCOSA da chi ha molta più esperienza di me. In fondo, un Forum serve anche a questo, e di “esperti” in questo Forum ce ne sono parecchi! Very Happy
_________________
Marcello
www.marpola.it
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
johnnydeep
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 20, 2007
Messaggi: 593
Località: Messina

MessaggioInviato: Ven Gen 18, 2008 10:50 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao,

sono contento che per qualcuno il post si sia rivelato interessante o quantomeno spunto per una proficua e fertile discussione.
Vedo che concordiamo quasi su tutto e che metti in risalto alcuni aspetti dell'attrezzatura sui quali anche io ho ragionato ripetutamente.
Era da un po che pensavo alla possibilita' di un doppio manometro ma non mi convince perche' il punto debole di un circuito di alta pressione e' proprio la sua frusta e le sue tenute, quindi credo sia meglio accontentarsi di non avere il manomento nel caso di chiusura manifold, piuttosto che accettare un doppio rischio di danno alla frusta. Poi non e' detto che in caso di separazione delle bocce, quella "buona" non sia quella con il manometro, quindi alla fine il gioco non vale la candela.
Non mi convinco ancora all'uso della frusta lunga, e che non ne vedo la stretta necessita'. Anche se un sub va in panico, credo che comunque, frusta corta o lunga, ti salti addosso per starti vicino perche' ha paura. A me e' capitato di avere delle vertigini alternobariche a 50mt, ho letteralmente afferrato il braccio del mio compagno come fa un bambino in lacrime.... Embarassed in quel momento l'unica cosa importante era sentire che non ero solo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
speedysub
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: May 22, 2006
Messaggi: 1062
Località: Riviera del Conero (AN)

MessaggioInviato: Ven Gen 18, 2008 2:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho visto sub in panico e ti assicuro che in quei casi c'è da pensare prima di tutto alla PROPRIA sicurezza...!! Sad Più distanti sono.... meglio è! Wink
Cmq io la frusta lunga ho cominciato ad usarla quando ho fatto i corsi speleo e si è rivelata utilissima procedendo in fila indiana nello stretto. da allora l'ho sempre mantenuta e l'unica "novità" è che adesso la uso come principale e non più come secondaria attaccata alla bombola con un elastico.
Sul fatto dei due manometri sono d'accodo con te: meno cose si hanno minore è la possibilità di rotture. A dicembre, però, mi è salata una frusta dell'HP mentre assemblavo la mia attrezzatura prima di un tuffo sulla Haven. Avendo 2 manometri, mi è bastato togliere il manometro con la frusta rovinata, mettere un tappo all'uscita HP del primo stadio e fare tranquillamente la mia bellissima immersione con il manometro attaccato all'altro primo stadio. Smile
Quindi sono molto incerto su che cosa fare in futuro. Per il momento, cmq, ho un manometro solo! Wink

Trovo STRANO che nessuno degli utenti voglia inserirsi in questa nostra discussione per dire la sua opinione e magari per dare dei consigli.... Boh? Forse in inverno la maggior parte dei sub vanno in letargo...!! Laughing Laughing Laughing
_________________
Marcello
www.marpola.it
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
johnnydeep
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 20, 2007
Messaggi: 593
Località: Messina

MessaggioInviato: Ven Gen 18, 2008 3:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Si, infatti.
Per le immersioni speleo la vedo utile. Credo che montero' comunque sul primo una di quelle super flow o come si chiamano, mi sembrano ottime.

Che ti devo dire, forse tutti sono sicuri del fatto suo, io peronalmente non do mai nulla per scontato.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
MarenaSub
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: May 25, 2004
Messaggi: 1080

MessaggioInviato: Ven Gen 18, 2008 6:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

johnnydeep ha scritto:
Si, infatti.
Che ti devo dire, forse tutti sono sicuri del fatto suo, io peronalmente non do mai nulla per scontato.


No , non è vero , il problema è che è dura convincerti della bontà della frusta lunga se sei convinto del contrario , tanto per fare un esempio ....
Ciao
_________________
GAV ? Preferirei di NO
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
speedysub
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: May 22, 2006
Messaggi: 1062
Località: Riviera del Conero (AN)

MessaggioInviato: Ven Gen 18, 2008 8:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Hai proprio ragione Davide!! Wink Laughing Laughing

Johnny lo confermo: le super flow sono ottime. Costicchiano, ma sono eccezionali: più sottili e molto più flessibili! Wink
_________________
Marcello
www.marpola.it
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
murena
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 26, 2007
Messaggi: 619
Località: Pescara Centr. ABRUZZO

MessaggioInviato: Sab Gen 19, 2008 11:33 am    Oggetto: Rispondi citando

La MURENA non va in letargo! Anzi, faccio quasi più immersioni d'inverno che d'estate. Battute a parte sono reduce, ieri 18 gennaio, da un bel tuffo alle isole Tremiti.
Per quello che riguarda la (così si chiama adesso) configurazione dell'attrezzatura questo è il mio pensiero sintetico: il massimo della sicurezza con il minimo dell'attrezzatura. Wink .
Ossia va bene la ridondanza, ma che questa non sia tripla o eccessiva.
Riporto un fatto del quale ho sentito il resoconto del protagonista quest'estate. A questa guida sub, con muta stagna e relativa frusta per gonfiaggio; due erogatori montati su un 1° stadio; un terzo erogatore con frusta lunghissima (stivata con un paio di volte sul collo) montato su un altro 1° stadio; due computer, uno per polso; due torce di cui una con pacco batteria fissato alla bombola; è successo che un erogatore fosse andato in copiosa erogazione continua. Lui, così mi riferì, non riuscì chiudere il rubinetto della bombola e neanche a sfilarsi tutto il gruppo per poter effettuare l'operazione. Ci credo, aveva addosso circa 6 fruste, di cui una attorno al collo, più un cavo elettrico, come avrebbe potuto? Dovette rinunciare all'immersione perchè l'aria della bombola ben presto si esaurì e dovette risalire respirando dal secondo erogatore di un sub. Continuò dicendomi che bastava che il sub in questione gli avesse chiuso il rubinetto della bombola relativo all'erogatore che stava perdendo. Gli chiesi se non fosse stato più semplice essere un pò meno "legato" da tutti quei "tubi" in modo tale da risolvere il problema in maniera autonoma. Question
Secondo me la sua configurazione era un pò eccessiva relativamente all'immersione in questione, un tuffo ad una trentina di metri.
A riguardo dell'attrezzatura questa è la mia filosofia:
1. GAV tradizionale per immersioni ricreative, GAV a gonfiaggio post. per quelle più fonde. Il giubbetto deve sempre avere cinghiaggi funzionali e semplici da agganciare e sganciare.
2. Erogatori di qualità, assolutamente con attacco din; le fruste ne' lunghe ne' corte, io uso quelle da circa 1 metro; secondi stadio non in uso fissati al collo con, eventualmente, chiaramente specificati i gas erogati.
3. Bombole bibo senza manifold, ma nel caso due mono assemblati assieme con doppia rubinetteria.
4. Pinne: ogni gamba ha le sue pinne ed ogni pinna ha la sua gamba; non esiste la pinna con spinta turbo in assoluto
5. Torce: adeguate alla durata dell'immersione ed al tipo. Quando mi immergo in condizioni di scarsissima visibilità ne ho sempre due, una montata su un caschetto e l'altra tradizionale a mano facilmente agganciabile da qualche parte con moschettone a doppia asola.
6. Moschettoni: solo a doppia asola e grandi, non bastano mai.
7. Coltello: ne ho due, uno posizionato classicamente al polpaccio, ci sono abituato da troppo tempo, l'altro fissato allo spallaccio del gav. Tutti e due, però, affilatissimi.
8. Bussola: per me immanacabile compagna, la porto sempre fissata con un moschettone ad un anello di metallo del gav; quando mi occorre la stacco e la brandeggio liberamente, poi la rimetto al posto. Personalmente trovo scomoda la lettura con lo strumento fissato al polso o quella con la bussola montata sulla consolle.
9. Muta: navigo decisamente contro corrente Cool , ho la stagna ma la uso pochissimo. In condizione di basse temperature dell'acqua, adopero quasi sempre una muta umida su misura, senza cerniere, 8+8mm,con sottomuta da 3mm e corpetto a mezza gamba e mezzo braccio da indossare sopra, di colore nero Wink , ma non per motivi politici! Mi ci trovo benissimo e non sono affatto stretto in questo vestito umido.
10. Computer e tabelle: se si sfascia il primo, e non ne ho un altro sull'altro polso come la guida di cui sopra, adopero le tavole di decompresione.
Ogni tipo d'immersione è storia a se e richiede un tipo di configurazione particolare, al quale ogni sub dovrà condizionarsi, cioè dovrà saper eventualmente adoperare tutti gli accrocchi che si porta dietro. E' inutile aver dietro aggeggi che non servono, la storia di prima ne è chiara dimostrazione.
Ciao a voi dalla MURENA. Very Happy
_________________
"Ciao piccolina, ma il tuo papà che lavoro fa?"
...mumble...mumble...
"...ah si, le immersioni in montagna!!!"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
poetazzo
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Jan 15, 2006
Messaggi: 113

MessaggioInviato: Sab Gen 19, 2008 8:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

ok gia che ci sono proverò ad apportare anch'io la mia piccola esperienza..
prima di procedere è doverosa una precisazione, mi immergo tutto l'anno sempre nel solito posto (non mi rompo le palle? beh, questo merita un'altra discussione)da diversi anni, d'estate ho sempre qualcuno con me mentre d'inverno sono quasi sempre da solo. Perlo+ faccio immersioni di un oretta, mai + fonde dei 30 (di media sto sui 20) e passo il tempo a fare foto. Ah, dimenticavo, le immerioni sono da terra, con fondale che scende molto dolcemente...

GAV
per anni ho usato un classico gav della seac di cui mi sfugge il nome, l'unico neo del suddetto era che quando lo presi feci male i conti e mi era un po largo però ho risolto montando delle fascie inguinali in modo che stesse + giù.
Ora come ora ho comprato un gav divesystem (il fly mi pare) ma l'ho usato solo un paio di volte percui non ho molto da dire, anche se è comodissimo e molto + idrodinamico

EROGATORI E FRUSTE
ho 2 primi stadi int per il semplice motivo che quando li comprai i din erano troppo costosi, comqunue appena ho qualche soldo da parte passerò al din. Sul primo stadio di destra tengo l'erogatore primario e in inverno la frusta della stagna, mentre sul primo stadio di sinistra ho il manometro, la frusta del gav e il secondo erogatore.
ho iniziato a usare la frusta da 2 metri perchè di media mi immergo con persone non particolarmente addestrate che consumano il doppio rispetto a me, quindi di solito gli passo la frusta lunga in maniera da equilibrare la situazione.
Prima la frusta lunga la fissavo alla bombola con un elastico, comodo da sfilare ma non da riporre, cioè da solo non sono in grado, percui a volte chi l'ha preso lo rimette fissato all'elastico, altre volte me lo ridanno in mano e me lo piazzo sotto le cinghie della giberna (poco male, tanto a quella fase siamo gia qusi usciti)
Adesso con il nuovo gav sto ancora studiando la soluzione ottimale perchè avendo i dopi fascioni , con l'elastico è + incasinata la situazione percui devo studiare un modo di riporlo, se non ci riusciro tornerò alla frusta lunga standard

BIBO CON SEPARATORE CENTRALE (rubinetto manifold)
no uso bibo Very Happy

MUTA
d'estate ho una 5+ 5 umida con cui mi trovo bene, mentre per l'ivnerno ho una stagna in neoprene da 3.5.
Prima avevo una trilaminato ma per vari motivi non la uso +.. per quanto rimpianga l'indistrutibilità del trilaminato, con la stagna in neoprene sto una favola.. è bella elastica e calza bene

ZAVORRA

spesso mi sfottono perkè porto tropppi chili, beh, facendo gli opportuni test scendo bene anche con 8 ma ho diversi motivi per sovrazavorrarmi,
quando sono da solo la bombola la asciugo fino all'ultimo, ovviamente non è che sbuco in mezzo al mare con 3 bar, però gli ultimi 50 bar me li ciuccio a 3-5 metri sperimentando con la macchina fotografica o facendo altro percui se fossi zavorrato meno "sgallerei"
quando invece sono in compagnia, beh, i chili in + servono a passarli a chi è sottozavorrato (gente che ha attrezzatura a noleggio e che magari si imemrge poco [no, non posso fargli fare la pesata ammodo perkè comqunue i chili in avanzo alla fine li dovrei lasciare lì a terra e me li fregherebbero] )
in + ,spesso m'è successo di ripescare gente in principio di pallonamento percui meglio qualche chilo in + che in meno
Ah, dimenticavo di dire che sono un felicissimo utilizzatore di giberna, il motivo è presto detto, siccome per arrivare nel punto di imemrsione dobbiamo scarpinare un po per un dirupo, le cinture standard mi segavano i fianchi mentre con la giberna il peso va sulle spalle..

PINNE
da qualche mese sono un felicissimo possessore di tecfin divesystem, mi ci trovo veramente bene, sono sufficientemente rigide per le mie gambe..
ovviamente vale quanto detto prima, ogni gamba ha la sua pinna

TORCIA
ho un'onestissima vega2 ricaricabile, anche di questa avvolte mi sfottono, però un c'ho i soldi per torce + sofisticate o potenti, le notturne ce le faccio tranquillamente e per cercare nelle spaccature va + che bene, come bakup ho la torcia a led che uso per l'autofocus della macchia fotogrtafica

COLTELLO
dopo averne persi unp aio tenendoli alla caviglia e aver constatato che al braccio era scomodo, lo tengo legato al corrugato del gav..
prima o poi mi procurerò un tagliasagole

PALLONE, REEL E SPOOL
immergendomi da riva è d'obbligo il pallone.. il quale è un banalissimo pallone segnasub, lo tengo legato a un mulinello con frizione (comodissima)
le rare volte che vado in qualche diving mi porto dietro il pedagno

COMPUTER, BUSSOLA E TABELLE

la bussola è fondamentale quando c'è 3 metri di visibilità (spessissimo purtroppo), la tengo sul braccio sinistro, spesso mi scordo pure di usarla perchè oramai mi oriento a vista.
come computer ho un vetusto ma ancora valdio mares M1.. mi è capitato anche di scordarmelo a casa, ma come detto all'inizio mi immergo sempre nel solito posto percui consoco le profondità a memoria e il computer non è fondamentale.
Le tabelle per le immersioni che faccio sono del tutto inutili


beh, questa è + ho meno la mia criticabilissima configurazione, spero d'ssere stato utile (al limite, come esempio negativo Very Happy)

bye albe
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
murena
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 26, 2007
Messaggi: 619
Località: Pescara Centr. ABRUZZO

MessaggioInviato: Dom Gen 20, 2008 6:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

per Poetazzo: nessuno è inutile quando parla delle sue cose con semplicità e chiarezza! Wink
_________________
"Ciao piccolina, ma il tuo papà che lavoro fa?"
...mumble...mumble...
"...ah si, le immersioni in montagna!!!"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Coccobill
Moderatore


Registrato: May 20, 2004
Messaggi: 1085
Località: Genova

MessaggioInviato: Lun Gen 21, 2008 10:21 am    Oggetto: Rispondi citando

Configurazione...

Una per ogni occasione direi, giusta, non carente ma neppure sovrabbondante in relazione al tipo di immersione.

Io tendenzialmente, come più volte affermato, sono un minimalista. Adoro scendere con schienalino, senza gav, ma se vado a filmare la Haven cambio, ovviamente, configurazione.

Scendere in particolari è dura se non impossibile, ci sono scuole di pensiero diverse e tutte molto rigide a questo proposito. L'unica regola generale che mi sentirei di proporre è "Scendi come più ti senti a tuo agio".
E non solo in merito alla configurazione dell'attrezzatura.

Al centro di tutto c'è sempre e comunque l'uomo.

Wink
_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
johnnydeep
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 20, 2007
Messaggi: 593
Località: Messina

MessaggioInviato: Lun Gen 21, 2008 8:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

bhe, alla fine come pensavo ognuno ha le sue preferenze anche se bene o male credo di aver capito che in acqua si va con SOLO quello che serve e piu' si e' leggeri e liberi meglio e'..
se non altro abbiamo scoperto che non e' l'attrezzatura a fare il sub, l'importante e sentirsi al proprio agio con i criteri di sicurezza oggettva che bene o male tutti abbiamo condiviso.

Grazie
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
murena
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 26, 2007
Messaggi: 619
Località: Pescara Centr. ABRUZZO

MessaggioInviato: Mar Gen 22, 2008 5:51 am    Oggetto: Rispondi citando

Assolutamente d'accordo. Non è l'attrezzatura, ne' tantomeno il brevetto, a fare il sub, ma tantissimi tuffi fatti in condizioni diverse di profondità, visibilità, temperatura dell'acqua, stagioni. Wink
_________________
"Ciao piccolina, ma il tuo papà che lavoro fa?"
...mumble...mumble...
"...ah si, le immersioni in montagna!!!"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
speedysub
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: May 22, 2006
Messaggi: 1062
Località: Riviera del Conero (AN)

MessaggioInviato: Mar Gen 22, 2008 7:57 am    Oggetto: Rispondi citando

murena ha scritto:
Assolutamente d'accordo. Non è l'attrezzatura, ne' tantomeno il brevetto, a fare il sub, ma tantissimi tuffi fatti in condizioni diverse di profondità, visibilità, temperatura dell'acqua, stagioni. Wink


Su questo..... direi che non c'è il minimo dubbio!! Wink
_________________
Marcello
www.marpola.it
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Ricreativa Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum

Powered by phpBB 2.0.13 © 2001 phpBB Group



www.marescoop.com
The Daily News of the Sea - Il Quotidiano del Mare
Publisher & Editor: Marcello Toja
Web site engine's code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.298 Secondi. -