Marescoop.com
Welcome to Marescoop.com

Home PageForumsDownloadsLinksArgomentiRelittiDownload Utenti Registrati
  Benvenuto Anonimo  Registrati: registrazione gratuita  
--- Ultime Notizie ---|    COMUNICATO IMPORTANTE - 21-03-16    ||    DECOMPRESSIONE: QUELLO CHE NON VI HANNO MAI DETTO E CHE FORSE MAI VI DIRANNO - 13-02-16    ||     - 28-11-15    ||    HAVEN - DUE MORTI E UN FERITO GRAVE - 16-05-15    ||    GLI OCCHI DEL MARE - 08-04-15    ||    LA STORIA INFINITA - 07-04-15    ||    oggi faccio 66 anni - 21-09-14    ||    CODICE ROSSO! SERVE L'ELICOTTERO - 12-11-13    ||    LA CONCORDIA EMERGE DALLE ACQUE DEL GIGLIO - 09-10-13    ||    UNA FESTA DELLA MARINERIA MONDIALE - 08-10-13    |------
  Utenti Nuove Registrazioni
Benvenuto, Anonimo, registrarsi è gratis
Nickname
Password



Iscrizione:
Ultimo: Check the profile of antonio antonio
Registrati oggi: 0
Registrati ieri: 0
Complessivo: 3691

Persone Online:
Visitatori: 75
Iscritti: 0
Nascosti: 0
Totale: 75


Ultimi iscritti
   antonio  +++  Andre88  nik94  zose
  FORUM
Last 20 Forum Messages

coronavirus
Last post by grongo in L'esperto Risponde on Mar 02, 2020 at 18:49:35

ordinanze su configurazione
Last post by grongo in Leggi Decreti Disposizioni on Apr 12, 2019 at 17:06:23

CECITA' DA DISATTENZIONE
Last post by grongo in L'esperto Risponde on Aug 01, 2017 at 15:48:27

Incidente a Ustica con rebreather
Last post by delfinobianco in Report Incidenti Subacquei on Jun 16, 2017 at 16:38:19

Articolo relativo a vitamina b6 e amnioarginina
Last post by grongo in Ricreativa on May 16, 2017 at 12:41:59

Articolo su Nave Costa Concordia
Last post by maryj in Storia Militare e Navale on Mar 12, 2017 at 12:26:53

Nuova tragedia a Palinuro - 3 sub perdono la vita
Last post by Ferry in Report Incidenti Subacquei on Aug 22, 2016 at 14:29:00

Latina Foce Verde
Last post by mandatrix in Report Incidenti Subacquei on Jul 17, 2016 at 16:21:48

douglas C-47 dakota
Last post by bube in Relitti on Jun 23, 2016 at 10:41:15

ritrovato sottomarino inglese
Last post by bube in Relitti on May 26, 2016 at 14:14:33

Morte Wes Skyles - Caso approda in Tribunale
Last post by maryj in Rebreather on May 21, 2016 at 10:40:16

Sensore O2 non galvanico (Solid State)
Last post by maryj in Rebreather on Apr 23, 2016 at 09:27:20

incidente sub
Last post by bube in Report Incidenti Subacquei on Apr 21, 2016 at 10:50:40

L.B.
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Apr 18, 2016 at 22:09:16

Anche quelli col turbante si fanno beffe dell'Italietta e de
Last post by maryj in Storia Militare e Navale on Apr 08, 2016 at 12:32:21

relitto evdochia
Last post by grongo in Report Incidenti Subacquei on Apr 02, 2016 at 10:35:19

www.edicolamarescoop.com
Last post by maryj in Comunicazioni on Mar 08, 2016 at 18:10:47

Scompare
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Mar 06, 2016 at 14:29:37

364 morti da rebreather
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Feb 21, 2016 at 22:47:18

"A proposito di Rebreather"
Last post by delfinobianco in Rebreather on Feb 14, 2016 at 19:15:18


[ Marescoop.com ]
  Gestione Utenti
Al momento c'è un problema con questo blocco.
  Argomenti Trattati
· Annunci economici - proposte affare
· Leggi e Disposizioni sulla Subacquea
· News per Apnea
· Notizie di cronaca subacquea e non
· Notizie Meteo per subacquei
· Offshore e subacquea professionale
· Recensioni Libri Video Sub
· Relitti e Storia
· Speleologia subacquea
· Subacquea sportiva profonda e/o tecnica
· Tecnologia e salute
  Contatti
Direttore

Moderatori
  
Marescoop.com: Forums

www.marescoop.com :: Leggi il Topic - PERCHE' SCRIVO QUESTI ARTICOLI
 FAQFAQ   CercaCerca   Gruppi utentiGruppi utenti   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

PERCHE' SCRIVO QUESTI ARTICOLI
Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Storia Militare e Navale
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
delfinobianco
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: Apr 03, 2004
Messaggi: 3801
Località: La Spezia

MessaggioInviato: Sab Ott 04, 2008 10:45 pm    Oggetto: PERCHE' SCRIVO QUESTI ARTICOLI Rispondi citando

Perché scrivo questi articoli che mi portano via tanto tempo e non hanno nulla a che fare con la subacquea?
In effetti è una vecchia malattia che avevo anche sul mio giornale IR MARE.
Nell'editoriale affrontavo temi attuali e scottanti.
Ho sempre creduto non so se a torto o a ragione, che i subacquei fossero anche delle persone con interessi diversificati, capaci di apprezzare un certo quantitativo di diffusione culturale che non fosse solo legata alla subacquea e al mare.
La ressa davanti allo stand di IR MARE dove si stipulavano gli abbonamenti ha dimostrato che non sbagliavo, ma coloro che apprezzano questi articoli appartengono alla maggioranza silenziosa, a coloro che parlano e scrivono poco, che si manifestano con delle frasi molto belle solo nei momenti gravi, quando qualcuno cerca di uccidere anche questo mio ultimo giornale.
C'è però una ragione molto più profonda che mi fa scrivere certi articoli come quello in ricordo di Solgenitsin, la speranza, forse l'assurda speranza che si apra un dibattito e tutti insieme si vada a smascherare le falsità della storia.
Ad esempio credo che faccia pensare il fatto che treni e navi trasportassero ben 22 milioni di persone verso la morte e nessuno all'epoca chiedesse a chi li stava uccidendo, di fermarsi. Gli americani e gli inglesi avevano degli ottimi servizi segreti e non è pensabile che non conoscessero la situazione in URSS, ciò nonostante si allearono con quella atroce banda di assassini che era Stalin ed il suo seguito.
All'epoca di questa alleanza oltre venti milioni di persone avevano già trovato la morte nei Gulag ed i processi farsa avevano già avuto luogo.
I segni delle inenarrabili torture subite dagli imputati erano chiarissimi, così come era chiaro a tutti che nelle prime file innanzi agli imputati c'erano i torturatori. Ma nessuno disse nulla.
Nessun inviato speciale trovò strano che eminenti personalità della vita politica russa, si presentassero in tribunale ridotti come delle larve, quasi incapaci di parlare, a confessare cazzate galattiche.
Agli americani che fornivano aerei ed armi ai russi, sarebbe bastato dire FERMATI a Stalin, altrimenti non ti diamo più le armi e gli aiuti, ma nessuno disse o chiese nulla.
Di quelle navi e di quei treni che trasportarono 22 milioni di persone verso la morte nessuno in occidente ha mai pensato di fare un film, o un documentario. Non è strano che una nazione che definisce un genocidio la morte di 200.000 persone non faccia nulla innanzi a quaranta milioni di morti e solo dopo, quando con la guerra fredda diventa conveniente, inizi a denunciare fatti e cose accadute da trent'anni e per trent'anni.
Non è curioso che in Italia si producano e si proiettino migliaia di documentari su treni dei nazisti e non si faccia nulla e non si scriva nemmeno una riga per quegli altri treni egualmente micidiali che trasportarono il triplo di esseri umani verso la morte, rispetto a quelli dei tedeschi?
Non è strano che nessuno faccia notare che gli alleati erano insieme e dalla parte di un MOSTRO e di un sistema mostruoso.
E' credibile che la X Mas non fosse al corrente dei campi di sterminio tedeschi, poiché i fatti accaddero in contemporanea ad una guerra, ma è impensabile che gli americani e gli inglesi non sapessero chi era realmente Stalin e che per trent'anni aveva mandato a morte decine di milioni di persone!
E quando parlo di capitalismo perfetto riesco a farmi comprendere? Avete compreso come sta operando il capitalismo e per quale ragione nella seconda proposta del piano salva economia sono state inserite delle voci a favore dei consumatori che non riescono a pagare i mutui?
Spero che nasca un dibattito su questi temi spero, ma non ne sono sicuro.

ciao
il dir
_________________
Il rebreather per uso sportivo è mortale. Il REB uccide. Chiunque vi dica che può uccidere sta mentendo. E' immorale coinvolgere altre persone nei nostri tentativi di suicidio.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
coryblu
Mozzo
Mozzo


Registrato: Feb 19, 2008
Messaggi: 28

MessaggioInviato: Sab Ott 04, 2008 11:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

Caro Dir,

vorrei essere più preparata, ed anche una bella penna, per poter interloquire con te in merito al tuo bellissimo articolo di ieri.
Effettivamente non hai avuto proprio nessun riscontro in merito, dai nostri belli ed acculturati subacquei che affollano questo sito, ed allora ci provo.

Spero che tu non mi faccia nera! Confused

Anch'io sono figlia di un bombardamento mediatico che spesso porta lontano da quella che è la verità.
Sono troppo impreparata, e troppo poco conosco dei fatti da te descritti. Che si, ho saputo, ho sentito...ma effettivamente li ho relegati in un angolino...pensa: milioni di persone massacrate, relegate in un angolino. Vergognoso! E mi sono ripromessa di leggere, ed almeno cercare di sapere quello che è potuto arrivare fino a noi. E ti ringrazio, per questo input.

Già: nessuno ha fatto niente....ma chi aveva interesse nel muovere qualcosa?

Una domanda però sorge spontanea: Stalin è morto...e putin è un caro amico del nostro Silvio, ma agenti segreti che muoiono quà e là avvelenati dal bario, qualche giornalista "casualmente" sparato, marinai sepolti vivi in fondo al mare, generali della marina fatti fuori perchè cercavano di capire cosa era successo ai loro ragazzi morti nel kursk - (di quello che si sa, ovviamente), fanno pensare che forse il fantasma di stalin ancora aleggia nella duma russa. Che ne pensi?

I recenti fatti accaduti in Georgia, potrebbero far pensare ad un mondo migliore....intervento immediato e conseguente ritirata russa, per quanto recalcitrante...sdegno mondiale, e pugno di ferro di bush, intervento immediato di sarcosi...insomma, il mondo allertato in difesa degli oppressi...

Io ho un'idea precisa, tanto scontata quanto soggettiva...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
murena
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 26, 2007
Messaggi: 619
Località: Pescara Centr. ABRUZZO

MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 7:23 am    Oggetto: Rispondi citando

Scrivi, scrivi dir.
Continua a scrivere questi articoli che allargano "veramente" gli orizzonti.
Innalzano i punti di vista.
Fanno aprire gli occhi.
Fanno riflettere e pensare.
Approfondiscono la conoscenza.
Tu sei uno storico, un vero giornalista che scava per arrivare al nocciolo di tutto, un divulgatore, una persona sensibile (nonostante ringhi spesso), un uomo limpido.
Tu hai la penna giusta per scrivere queste cose.
Io sono un avido lettore ed osservatore, la logicità del pensiero di conseguenza vien da sè.
Sono cresciuto, classe '61, leggendo libri ed articoli, vedendo film e documentari, che parlavano delle nefandezze commesse dai Hitler, però,
non ho mai, e dico mai, fin forse ai miei 20-22 anni letto, visto delle atrocità moltiplicate per 4 o per 5, commesse da Stalin.
Poi un po' alla volta, sarà stata conseguenza della caduta del muro, Question , s'è iniziato a sentire che oltre la "cortina" dell'est erano accaduti annientamenti di decine di milioni di esseri umani.
Mi chiedevo perchè c'era stato questo silenzio, perchè storici, giornalisti tacevano e non divulgavano? Qualcosa non mi quadrava: i cattivi son sempre cattivi, cioè, una parte di cattivi era stata, giustamente, sputtanata alla grande, di un'altra parte di cattivi, invece, ingiustamente si taceva o si minimizzava.
Come hai chiaramente spiegato nell'articolo, possibile mai che i treni e le navi della morte di Stalin, fossero passati di soppiatto, non visti, sotto gli occhi ed il naso dell'intelligence anglo-americano?
Qual'era il vero motore, l'innesco di tutto questo? A chi giovava, tutto ciò?
Al potere assoluto: le banche che dominano il mondo che, come Paperon de' Paperoni, smanettano un'incredibile quantità, numericamente parlando, di veri parallelepipedi d'oro massiccio e pesante.
Grazie al tuo articolo, adesso, ci saranno altre persone alle quali s'accenderanno delle lampadine, inizieranno a fare 2+2, ed il risultato non potrà che essere per forza 4. A questi nuovi conoscitori, benvenuti, fino a ieri, forse, le loro lampadine erano volutamente ottenebrate.
Dir, scrivi, scrivi.
Non smettere mai.
Fortunatamente, nonostante tutto, il seme della conoscenza della verità attecchisce ancora, il tuo compito è quello di spargerlo.


Aggiungo un p.s.: ultimamente ho letto un libro di G.Pansa, "I tre inverni della paura", la cui trama romanzata è supportata dalle fondamenta al tetto sulla storia della guerra civile italiana, che per logica forza di cose s'intreccia con gli eventi da te descritti.
_________________
"Ciao piccolina, ma il tuo papà che lavoro fa?"
...mumble...mumble...
"...ah si, le immersioni in montagna!!!"


Ultima modifica di murena il Dom Ott 05, 2008 9:19 am, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
delfinobianco
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: Apr 03, 2004
Messaggi: 3801
Località: La Spezia

MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 9:13 am    Oggetto: a coryblu Rispondi citando

coryblu ha scritto:
Citazione:
Già: nessuno ha fatto niente....ma chi aveva interesse nel muovere qualcosa?

Una domanda però sorge spontanea: Stalin è morto...e Putin è un caro amico del nostro Silvio, ma agenti segreti che muoiono qua e là avvelenati dal bario, qualche giornalista "casualmente" sparato, marinai sepolti vivi in fondo al mare, generali della marina fatti fuori perchè cercavano di capire cosa era successo ai loro ragazzi morti nel Kursk - (di quello che si sa, ovviamente), fanno pensare che forse il fantasma di Stalin ancora aleggia nella duma russa. Che ne pensi?


cara coryblu, sarò acido (ma non è vero) ma non mi permetterei mai di mortificare il "giovane artù" che cerca d'imparare, anzi lo porterei pazientemente per mano, ascoltando quel che dice sia le cose giuste che quelle sbagliate e cercherei con esempi di fargli capire la verità...
Giornalisti avvelenati e sparati, agenti segreti avvelenati fanno certamente parte di quell'inevitabile strascico che un paese dove per settant'anni, ben tre generazioni, non si conosceva nemmeno il significato della parola libertà e dove si viveva nel terrore assoluto.
E' molto più semplice eliminare i propri avversari in modo diretto, che imbastire un mare di cazzate, come si fa in occidente e poi comunque farli fuori...vedi anarchici che cadono rasente ai muri, aerei che precipitano con all'interno il leader italiano della ricerca petrolifera un certo Enrico Mattei, vedi banchieri appesi sotto il ponte dei preti neri, strani suicidi, la banda della Maliana, un complicato intreccio tra vari poteri, servizi segreti e massoneria, potrei andare avanti per ore, poi ci sono pallottole incredibilmente precise che colpiscono fulminandoli i vice capi dei servizi segreti e chiudono l bocca ad una giornalista che prima sputtanava con ferocia gli americani & C, gipponi della polizia che passano sul torace di uno di loro, tutti sano che si tratta di fuoco amico, ma il colpevole è un ragazzo che ha tirato un lavello. Pensate, può un lavello provocare lo sfondamento della cassa toracica di un uomo? O lo stesso uomo colpito dal lavello...
1) si difenderà istintivamente con le mani
2)cadrà sotto l'urto ammortizzandone gli effetti,
ma perché nessuno dice nulla? Semplice, sia la moglie del poliziotto ucciso che il presunto colpevole "potrebbero aver avuto" fate attenzione al condizionale anti-querela, una apertura di credito cospicua.
Fondi speciali, che non vengono censiti e che fanno parte dell'area di autonomia dei vari servizi più o meno segreti.
Fondi che molte volte fanno anche comodo, quando vengono usati per pagare riscatti e salvare delle vite, senza dare nell'occhio.

Interessante il caso del Kursk, ho scritto circa 25 articoli sullo "sfortunato" sottomarino e ne ho anche parlato per radio, nel corso di una intervista.
Peccato che quegli articoli siano andati perduti nel vecchio "crashdive".
Intanto il nome Kursk, la più importante battaglia dell'armata rossa dove i tedeschi furono veramente fermati. Poi il grado di sbandamento del sottomarino, ci somministrarono la pillola dei 65 gradi, uno sbandamento che non avrebbe permesso ai vari DSRV di accostarsi all'uscita di emergenza, si riesce molto faticosamente a fare qualche tentativo fino ai 50 gradi. Ma il Kursk e lo so da fonte attendibile e ben informata sbandava solo di 4 gradi. E le mie parole sono supportate dal DSRV inglese che partì ed arrivo in zona ma ahimé "troppo tardi". Che senso avrebbe avuto mobilitare un tale mezzo di salvataggio se già sicuri che non si poteva usarlo?
La risposta stava tutta nel foglietto che trovarono scritto a mano in matita grassa, probabilmente realizzato al buio dall'ufficiale elettricista che faceva parte dei pochi superstiti chiusi nella zona "nove" del sottomarino, una camera stagna che stagna non era. Quel ragazzo scrisse su quel foglietto trovato sul suo cadavere che era buio, faceva freddo e la PRESSIONE CONTINUAVA AD AUMENTARE...segno evidente che la tenuta stagna del compartimento era compromessa.
Ed ecco il "giochetto" che si può fare in presenza di situazioni come questa: si apre dall'esterno il compartimento agendo su apposito volantino, naturalmente è impossibile aprire il portello a causa della differenza di pressione, però si lega un pallone di sollevamento al portello.
Poi si risale e si va a mangiare gli spaghetti fra amici accompagnati da del buon vino rosso.
Intanto all'interno la pressione sale e sale lentamente fino a raggiungere la stessa pressione che c'è all'esterno. Il pallone in tensione apre il portello, esce una grande bolla d'aria compressa a 10 BAR entra una grande quantità d'acqua.
Voilà il gioco è fatto, mentre tutti dormono felici durante la notte, gli ultimi superstiti muoiono.
Arrivano i palombari della piattaforma norvegese Regalia, e che cosa trovano...ahimé, il portello è aperto e dentro ci sono solo più morti.
Per buona pace delle coscienze generali, sarebbero morti comunque, poiché il DSRV che avrebbe potuto salvarli non poteva operare con un differenza barica di ben 10 atmosfere.
Il presupposto per questi salvataggi è che i superstiti siano in un ambiente con una differenza massima di 1,5 bar. Ciò nonostante anche in questi casi si sono verificati parecchi decessi, decessi che oggi vengono mitigati con l'applicazione dell'HBO2, quella famosa preossigenazione che abbiamo "scoperto" alcuni anni or sono e per la quale ho ricevuto una valanga di insulti e derisione.
Dunque i poveri superstiti del Kursk sarebbero probabilmente morti in ogni caso. Ma il sottomarino avrebbe potuto essere spostato su fondali più bassi per essere esaminato dalla polizia giudiziaria i RIS russi, per comprendere la dinamica dell'incidente.
Si è invece preferito tagliarlo a pezzi, cancellando così ogni traccia dell'accaduto.
Perché il Kursk venne affondato quasi certamente in seguito ad un attentato, perpetuato attraverso la manomissione della spoletta giroscopica di cui sono dotati i siluri moderni.
Esplose quindi dall'interno e si sarebbe visto subito se non l'avessero tagliato a pezzi.
Perché esplose dall'interno? Fu in realtà l'ultimo tentativo dei falchi russi e di quelli americani, di restaurare un regime di guerra fredda che giustificasse la costruzione di sommergibili e bombardieri costosissimi a spese dei contribuenti e non dimentichiamo che in quel periodo l'Armata Rossa stava licenziando seicentomila persone ritenute in esubero a causa della fine della guerra fredda.
Innanzi alla disgrazia del Kursk dissi delle parole che si dimostrarono profetiche: ci riproveranno, troveranno altri modi...
Infatti un certo giorno di ottobre del 2001 (ma guarda che combinazione!) ci sono riusciti ed è passata una commessa di 400.000 miliardi di dollari, 200 bilioni di dollari per costruire armi sofisticate, badate bene non 700 miliardi di dollari su cui si è discusso ultimamente scandalizzati, del piano salva economia di Bush, ma ben 400.000 miliardi. Come sempre s'insorge per il granello di riso e s'ignora la montagna. Una montagna di soldi dei contribuenti, una montagna di morti...nessuno li vede.
Non ho fatto nomi scendendo nello specifico altrimenti ammazzano anche me. Comunque sono tutti fatti arcinoti e documentati. Ovviamente non riportati sulle colonne di stampa dei quotidiani.

Poi coryblu ha scritto:
Citazione:
I recenti fatti accaduti in Georgia, potrebbero far pensare ad un mondo migliore....intervento immediato e conseguente ritirata russa, per quanto recalcitrante...sdegno mondiale, e pugno di ferro di bush, intervento immediato di sarcosi...insomma, il mondo allertato in difesa degli oppressi...


Dei recenti fatti accaduti in Georgia, posso solo dirti che faccio fatica a distinguere i buoni dai cattivi ma una cosa la so, come la sappiamo tutti, da quelle parti ci sono petrolio e minerali importanti. In particolare in Ossezia, che fino all'altro ieri non sapevamo nemmeno che esistesse.
Sarà per quello che siamo diventati TUTTI più umani?

ciao
il dir
_________________
Il rebreather per uso sportivo è mortale. Il REB uccide. Chiunque vi dica che può uccidere sta mentendo. E' immorale coinvolgere altre persone nei nostri tentativi di suicidio.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
coryblu
Mozzo
Mozzo


Registrato: Feb 19, 2008
Messaggi: 28

MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 11:47 am    Oggetto: Re: a coryblu Rispondi citando

cara coryblu, sarò acido (ma non è vero) ma non mi permetterei mai di mortificare il "giovane artù" che cerca d'imparare, anzi lo porterei pazientemente per mano, ascoltando quel che dice sia le cose giuste che quelle sbagliate e cercherei con esempi di fargli capire la verità...

no dir: non intendevo dire che sei acido...anzi, sono onorata del fatto che mi rispondi...ciò che intendevo è che non c'è uno scambio paritetico tra noi due, ed possibile, anzi certo, che il mio intervendo possa essere tanto inadeguato quanto noioso...

Giornalisti avvelenati e sparati, agenti segreti avvelenati fanno certamente parte di quell'inevitabile strascico che un paese dove per settant'anni, ben tre generazioni, non si conosceva nemmeno il significato della parola libertà e dove si viveva nel terrore assoluto.
E' molto più semplice eliminare i propri avversari in modo diretto, che imbastire un mare di cazzate, come si fa in occidente e poi comunque farli fuori...vedi anarchici che cadono rasente ai muri, aerei che precipitano con all'interno il leader italiano della ricerca petrolifera un certo Enrico Mattei, vedi banchieri appesi sotto il ponte dei preti neri, strani suicidi, la banda della Maliana, un complicato intreccio tra vari poteri, servizi segreti e massoneria, potrei andare avanti per ore, poi ci sono pallottole incredibilmente precise che colpiscono fulminandoli i vice capi dei servizi segreti e chiudono l bocca ad una giornalista che prima sputtanava con ferocia gli americani & C, gipponi della polizia che passano sul torace di uno di loro, tutti sano che si tratta di fuoco amico, ma il colpevole è un ragazzo che ha tirato un lavello. Pensate, può un lavello provocare lo sfondamento della cassa toracica di un uomo? O lo stesso uomo colpito dal lavello...
1) si difenderà istintivamente con le mani
2)cadrà sotto l'urto ammortizzandone gli effetti,
ma perché nessuno dice nulla? Semplice, sia la moglie del poliziotto ucciso che il presunto colpevole "potrebbero aver avuto" fate attenzione al condizionale anti-querela, una apertura di credito cospicua.
Fondi speciali, che non vengono censiti e che fanno parte dell'area di autonomia dei vari servizi più o meno segreti.
Fondi che molte volte fanno anche comodo, quando vengono usati per pagare riscatti e salvare delle vite, senza dare nell'occhio
.


si, è indubbio ed indiscutibile ciò che riporti. Quello che realizzo, comunque, è che la gente sta meglio in occidente che non nei paesi dell'est. E tra i due mali scelgo il minore: sto meglio dove sono.

Interessante il caso del Kursk, ho scritto circa 25 articoli sullo "sfortunato" sottomarino e ne ho anche parlato per radio, nel corso di una intervista.
Peccato che quegli articoli siano andati perduti nel vecchio "crashdive".
Intanto il nome Kursk, la più importante battaglia dell'armata rossa dove i tedeschi furono veramente fermati. Poi il grado di sbandamento del sottomarino, ci somministrarono la pillola dei 65 gradi, uno sbandamento che non avrebbe permesso ai vari DSRV di accostarsi all'uscita di emergenza, si riesce molto faticosamente a fare qualche tentativo fino ai 50 gradi. Ma il Kursk e lo so da fonte attendibile e ben informata sbandava solo di 4 gradi. E le mie parole sono supportate dal DSRV inglese che partì ed arrivo in zona ma ahimé "troppo tardi". Che senso avrebbe avuto mobilitare un tale mezzo di salvataggio se già sicuri che non si poteva usarlo?
La risposta stava tutta nel foglietto che trovarono scritto a mano in matita grassa, probabilmente realizzato al buio dall'ufficiale elettricista che faceva parte dei pochi superstiti chiusi nella zona "nove" del sottomarino, una camera stagna che stagna non era. Quel ragazzo scrisse su quel foglietto trovato sul suo cadavere che era buio, faceva freddo e la PRESSIONE CONTINUAVA AD AUMENTARE...segno evidente che la tenuta stagna del compartimento era compromessa.
Ed ecco il "giochetto" che si può fare in presenza di situazioni come questa: si apre dall'esterno il compartimento agendo su apposito volantino, naturalmente è impossibile aprire il portello a causa della differenza di pressione, però si lega un pallone di sollevamento al portello.
Poi si risale e si va a mangiare gli spaghetti fra amici accompagnati da del buon vino rosso.
Intanto all'interno la pressione sale e sale lentamente fino a raggiungere la stessa pressione che c'è all'esterno. Il pallone in tensione apre il portello, esce una grande bolla d'aria compressa a 10 BAR entra una grande quantità d'acqua.
Voilà il gioco è fatto, mentre tutti dormono felici durante la notte, gli ultimi superstiti muoiono.
Arrivano i palombari della piattaforma norvegese Regalia, e che cosa trovano...ahimé, il portello è aperto e dentro ci sono solo più morti.
Per buona pace delle coscienze generali, sarebbero morti comunque, poiché il DSRV che avrebbe potuto salvarli non poteva operare con un differenza barica di ben 10 atmosfere.
Il presupposto per questi salvataggi è che i superstiti siano in un ambiente con una differenza massima di 1,5 bar. Ciò nonostante anche in questi casi si sono verificati parecchi decessi, decessi che oggi vengono mitigati con l'applicazione dell'HBO2, quella famosa preossigenazione che abbiamo "scoperto" alcuni anni or sono e per la quale ho ricevuto una valanga di insulti e derisione.
Dunque i poveri superstiti del Kursk sarebbero probabilmente morti in ogni caso. Ma il sottomarino avrebbe potuto essere spostato su fondali più bassi per essere esaminato dalla polizia giudiziaria i RIS russi, per comprendere la dinamica dell'incidente.
Si è invece preferito tagliarlo a pezzi, cancellando così ogni traccia dell'accaduto.
Perché il Kursk venne affondato quasi certamente in seguito ad un attentato, perpetuato attraverso la manomissione della spoletta giroscopica di cui sono dotati i siluri moderni.
Esplose quindi dall'interno e si sarebbe visto subito se non l'avessero tagliato a pezzi.
Perché esplose dall'interno? Fu in realtà l'ultimo tentativo dei falchi russi e di quelli americani, di restaurare un regime di guerra fredda che giustificasse la costruzione di sommergibili e bombardieri costosissimi a spese dei contribuenti e non dimentichiamo che in quel periodo l'Armata Rossa stava licenziando seicentomila persone ritenute in esubero a causa della fine della guerra fredda.
Innanzi alla disgrazia del Kursk dissi delle parole che si dimostrarono profetiche: ci riproveranno, troveranno altri modi...
Infatti un certo giorno di ottobre del 2001 (ma guarda che combinazione!) ci sono riusciti ed è passata una commessa di 400.000 miliardi di dollari, 200 bilioni di dollari per costruire armi sofisticate, badate bene non 700 miliardi di dollari su cui si è discusso ultimamente scandalizzati, del piano salva economia di Bush, ma ben 400.000 miliardi. Come sempre s'insorge per il granello di riso e s'ignora la montagna. Una montagna di soldi dei contribuenti, una montagna di morti...nessuno li vede.
Non ho fatto nomi scendendo nello specifico altrimenti ammazzano anche me. Comunque sono tutti fatti arcinoti e documentati. Ovviamente non riportati sulle colonne di stampa dei quotidiani.


Non si può recuperare niente di quanto hai scritto all'epoca? Ma...secondo te, l'ipotizzata vendita del kursk ai cinesi, è assolutamente da scartare? Mi ero fatta l'idea che fosse andata così...

Dei recenti fatti accaduti in Georgia, posso solo dirti che faccio fatica a distinguere i buoni dai cattivi ma una cosa la so, come la sappiamo tutti, da quelle parti ci sono petrolio e minerali importanti. In particolare in Ossezia, che fino all'altro ieri non sapevamo nemmeno che esistesse.
Sarà per quello che siamo diventati TUTTI più umani?

Era anche la mia idea. Che tristezza!

ciao
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
delfinobianco
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: Apr 03, 2004
Messaggi: 3801
Località: La Spezia

MessaggioInviato: Dom Ott 05, 2008 2:13 pm    Oggetto: Il Kursk era invendibile Rispondi citando

Il Kursk era invendibile,
tutta la parte prodiera era sventrata dalla tremenda esplosione interna, enfatizzata dalla pressione di un ambiente chiuso.
Tutti sanno che la stessa quantità di esplosivo fatta esplodere in ambiente aperto ed in un secchio pieno di segatura compressa genera due esplosioni completamente diverse.
No, il Kursk è stato demolito a fette, proprio per evitare le indagini di una polizia giudiziaria.
Certe cose non DOBBIAMO saperle.

ciao

il dir

ps. i sottomarini atomici russi sono in vendita da molto tempo ma non li ha comprati nessuno. Costituiscono un grande imbarazzo poiché nessuno sa dove mettere il materiale radioattivo dei loro reattori nucleari. La Fincantieri ha da poco ottenuto una commessa per la costruzione di una nave speciale per trasportare il materiale radioattivo proprio dei sub russi giacenti a Minsk ed a Vladivostok.
Il problema è che nessuno ci dice dove verranno portati questi materiali!
Credimi, se qualcosa può essere venduto ai cinesi è sicuramente uno o più mezzi della classe Kilo, denominato in ambito NATO, il "buco nero", proprio per la sua assenza di rumore alla velocità di 3 nodi.
Si tratta di un mezzo diesel/elettrico, superato solo dalla classe U212/A derivati dagli ultimi U-boote classe XXI, forniti di motori a cellule di idrogeno, evoluzione della innovatrice turbina Walter inventata dai tedeschi.
_________________
Il rebreather per uso sportivo è mortale. Il REB uccide. Chiunque vi dica che può uccidere sta mentendo. E' immorale coinvolgere altre persone nei nostri tentativi di suicidio.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Coccobill
Moderatore


Registrato: May 20, 2004
Messaggi: 1085
Località: Genova

MessaggioInviato: Lun Ott 06, 2008 6:32 am    Oggetto: Rispondi citando

Milioni e milioni di persone prigioniere del debito. Faccendieri che creano imperi senza tirare fuori un soldo di tasca propria. Ecco perchè si deve salvare il sistema delle banche e, soprattutto, del credito.

Oggi non si deporta più, non è di moda, oggi si tortura ed uccide direttamente a domicilio.
La mattanza è appena cominciata.
_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Coccobill
Moderatore


Registrato: May 20, 2004
Messaggi: 1085
Località: Genova

MessaggioInviato: Lun Ott 06, 2008 6:59 am    Oggetto: Rispondi citando

Dal blog di Grillo:

Nulla smuove questo popolo. Solo la fame, forse, potrebbe. Essere governati da delinquenti e incapaci non turba più, da tempo, le coscienze.
Gli italiani sono dei belli addormentati. Il Paese è governato da piduisti. Sono rimasti tali, a tempo pieno, dagli anni ’70. Gelli è in pensione, ma Berlusconi e Cicchitto non hanno mai dato le dimissioni. L’Italia è gestita anche dagli ex comunisti, ora pidinimenoelle, che in vita loro non hanno mai lavorato e non sono mai stati neppure comunisti. D’Alema, Veltroni, Fassino e la consorte settelegislature Serafini. Sempre in torta, mai all’opposizione, sempre mantenuti dai contribuenti. Buoni a nulla e capaci di tutto
Questo socialcapitalismo di rapina ha alimentato la Mafia, la Camorra, la Ndrangheta, la Sacra Corona Unita. Ha permesso che la criminalità organizzata e la politica delle tangenti gestisse le comunità locali come delle discariche.
Ora suona la sirena d’allarme delle banche. Bisogna proteggerle. Certo, se il sistema bancario crolla, e le persone si ritrovano senza risparmi, senza poter fare la spesa, questa banda che ha occupato le istituzioni deve preoccuparsi. E molto. Una piazzale Loreto non sarebbe più sufficiente per contenerla. Quando bisognava proteggere i cittadini dai Tango bond, dalla Parmalat, da Cirio, dai mutui variabili che mettevano il cappio alle famiglie, dai derivati, dai futures, dai fondi di investimento con dentro i vermi, allora NESSUNO è intervenuto. Domandatevi perché. La risposta è semplice, le banche e la politica sono la stessa cosa. Lo stesso corpo. Uno e bino. Corrotto e corruttore che si scambiano il ruolo, ma sempre nell’ambito della legalità. La legge tutela l’illegalità, nel caso non la tuteli a sufficienza, la si rinforza depenalizzando il falso in bilancio. Scrivi Geronzi e leggi psiconano, detti Passera e compare Prodi, esclami Profumo e appaiono le fondazioni. Le fondazioni, la lunga mano dei partiti, sono azioniste delle banche. Scelgono gli amministratori delegati, approvano i bilanci, gli investimenti.
Gli italiani dormono, belli addormentati, cullati dai media controllati dai politici e dalle banche, che intorpidiscono i loro sensi. E’ un popolo di conigli, ipnotizzato da un serpente. Può svegliarsi in tempo o finire divorato...
_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Coccobill
Moderatore


Registrato: May 20, 2004
Messaggi: 1085
Località: Genova

MessaggioInviato: Lun Ott 06, 2008 11:04 am    Oggetto: Rispondi citando

http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_787215976.html

Altro che fine del principio (cit. Calimero l'economista)
è il principio della fine... ma non per le banche, quelle le salveremo col nostro sangue.

Sono incazzato nero.
_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Captain
Marinaio
Marinaio


Registrato: Jan 13, 2008
Messaggi: 71
Località: Abruzzo

MessaggioInviato: Lun Ott 06, 2008 6:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

C'è tanto di quel materiale qui che se lo sapesse Patrik Robinson ci scriverebbe un'altra serie di libri...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
coryblu
Mozzo
Mozzo


Registrato: Feb 19, 2008
Messaggi: 28

MessaggioInviato: Lun Ott 06, 2008 6:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

Coccobill ha scritto:
http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_787215976.html

Altro che fine del principio (cit. Calimero l'economista)
è il principio della fine... ma non per le banche, quelle le salveremo col nostro sangue.

Sono incazzato nero.


Ciao Coccobill: io no, non sono arrabbiata. Ero depressa, e dopo quello che mi hai fatto leggere sono invece molto depressa...beh: vado a farmi un tuffetto virtuale da Morena, ho visto che ha scritto, così mi tiro su il morale!

Ps: Grazie.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
delfinobianco
Signore (Ufficiale)
Signore (Ufficiale)


Registrato: Apr 03, 2004
Messaggi: 3801
Località: La Spezia

MessaggioInviato: Lun Ott 06, 2008 10:20 pm    Oggetto: Deprimersi non serve a niente Rispondi citando

Deprimersi non serve a niente, serve combattere...

ciao

il dir
ps. chi ha detto che bisogna combattere solo le battaglie che si possono vincere?

Si può anche combattere per l'onore ed i posteri berranno l'acqua fresca...
_________________
Il rebreather per uso sportivo è mortale. Il REB uccide. Chiunque vi dica che può uccidere sta mentendo. E' immorale coinvolgere altre persone nei nostri tentativi di suicidio.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
murena
Nostromo
Nostromo


Registrato: Dec 26, 2007
Messaggi: 619
Località: Pescara Centr. ABRUZZO

MessaggioInviato: Mar Ott 07, 2008 4:40 am    Oggetto: Rispondi citando

Coccobill ha scritto:
Dal blog di Grillo:


Gli italiani dormono, belli addormentati, cullati dai media controllati dai politici e dalle banche, che intorpidiscono i loro sensi. E’ un popolo di conigli, ipnotizzato da un serpente. Può svegliarsi in tempo o finire divorato...



Questo è il vero nocciolo della questione, il potere dei media, una vera arma.
La più penetrante, la più infida, la più melliflua, la più devastante.
E' possibile che la gente non si accorga che 'sto mostro avidamente, prima anestetizza e poi, lentamente, annichilisce i loro cervelli fino all'ipnosi totale e perenne?
Schematizzando al massimo: una volta la famiglia riunita davanti al focolare era l'esempio, ora il focolare non c'è più perchè è stato sostituito dalla T.V., il misterioso aggeggio che emana la "VERITA' " è diventato l'esempio. Un esempio uniforme, che uniformemente e costantemente, "resetta" i programmi dentro le capocce delle persone indirizzandole in un'unica direzione: una sfreneta corsa al falso benessere del consumismo, raggiungibile a prezzo di debiti continui che, inesorabilmente, stringono i polsi e la gola del "poverello" oramai totalmente alla mercè dei carnefici.
Basterebbe un semplice clik sull'interruttore dell'apparecchio T.V. per fermare questo devastante circolo, possibile che sia tanto difficile da capire?
_________________
"Ciao piccolina, ma il tuo papà che lavoro fa?"
...mumble...mumble...
"...ah si, le immersioni in montagna!!!"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
tikoyo
Marinaio
Marinaio


Registrato: Nov 13, 2008
Messaggi: 63

MessaggioInviato: Gio Nov 13, 2008 7:39 pm    Oggetto: Re: PERCHE' SCRIVO QUESTI ARTICOLI Rispondi citando

delfinobianco ha scritto:
Perché scrivo questi articoli che mi portano via tanto tempo e non hanno nulla a che fare con la subacquea?
In effetti è una vecchia malattia che avevo anche sul mio giornale IR MARE.
Nell'editoriale affrontavo temi attuali e scottanti.
Ho sempre creduto non so se a torto o a ragione, che i subacquei fossero anche delle persone con interessi diversificati, capaci di apprezzare un certo quantitativo di diffusione culturale che non fosse solo legata alla subacquea e al mare.
La ressa davanti allo stand di IR MARE dove si stipulavano gli abbonamenti ha dimostrato che non sbagliavo, ma coloro che apprezzano questi articoli appartengono alla maggioranza silenziosa, a coloro che parlano e scrivono poco, che si manifestano con delle frasi molto belle solo nei momenti gravi, quando qualcuno cerca di uccidere anche questo mio ultimo giornale.
C'è però una ragione molto più profonda che mi fa scrivere certi articoli come quello in ricordo di Solgenitsin, la speranza, forse l'assurda speranza che si apra un dibattito e tutti insieme si vada a smascherare le falsità della storia.
Ad esempio credo che faccia pensare il fatto che treni e navi trasportassero ben 22 milioni di persone verso la morte e nessuno all'epoca chiedesse a chi li stava uccidendo, di fermarsi. Gli americani e gli inglesi avevano degli ottimi servizi segreti e non è pensabile che non conoscessero la situazione in URSS, ciò nonostante si allearono con quella atroce banda di assassini che era Stalin ed il suo seguito.
All'epoca di questa alleanza oltre venti milioni di persone avevano già trovato la morte nei Gulag ed i processi farsa avevano già avuto luogo.
I segni delle inenarrabili torture subite dagli imputati erano chiarissimi, così come era chiaro a tutti che nelle prime file innanzi agli imputati c'erano i torturatori. Ma nessuno disse nulla.
Nessun inviato speciale trovò strano che eminenti personalità della vita politica russa, si presentassero in tribunale ridotti come delle larve, quasi incapaci di parlare, a confessare cazzate galattiche.
Agli americani che fornivano aerei ed armi ai russi, sarebbe bastato dire FERMATI a Stalin, altrimenti non ti diamo più le armi e gli aiuti, ma nessuno disse o chiese nulla.
Di quelle navi e di quei treni che trasportarono 22 milioni di persone verso la morte nessuno in occidente ha mai pensato di fare un film, o un documentario. Non è strano che una nazione che definisce un genocidio la morte di 200.000 persone non faccia nulla innanzi a quaranta milioni di morti e solo dopo, quando con la guerra fredda diventa conveniente, inizi a denunciare fatti e cose accadute da trent'anni e per trent'anni.
Non è curioso che in Italia si producano e si proiettino migliaia di documentari su treni dei nazisti e non si faccia nulla e non si scriva nemmeno una riga per quegli altri treni egualmente micidiali che trasportarono il triplo di esseri umani verso la morte, rispetto a quelli dei tedeschi?
Non è strano che nessuno faccia notare che gli alleati erano insieme e dalla parte di un MOSTRO e di un sistema mostruoso.
E' credibile che la X Mas non fosse al corrente dei campi di sterminio tedeschi, poiché i fatti accaddero in contemporanea ad una guerra, ma è impensabile che gli americani e gli inglesi non sapessero chi era realmente Stalin e che per trent'anni aveva mandato a morte decine di milioni di persone!
E quando parlo di capitalismo perfetto riesco a farmi comprendere? Avete compreso come sta operando il capitalismo e per quale ragione nella seconda proposta del piano salva economia sono state inserite delle voci a favore dei consumatori che non riescono a pagare i mutui?
Spero che nasca un dibattito su questi temi spero, ma non ne sono sicuro.

ciao
il dir


Il guaio è sempre lostesso, si parte sempre da posizioni certe e assolute.
Il dubbio non si insinua mai in noi... alla buona fede dell'altro non crediamo più...
Siamo diventati tutti molto cattivi e sicuri.
Una semplice domanda: siamo veramente sicuri che americani e inglesi fossero al corrente? Chi è in grado di dirlo? Di una cosa ci si dimentica spesso, del grande potere confusionale e fuorviante che hanno il tempo e di conseguenza la storia cioè del grande potere di distorcere quasi sempre fatti e circostanze. E non potrebbe essere diversamente visto che è fatta e scritta da uomini...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tikoyo
Marinaio
Marinaio


Registrato: Nov 13, 2008
Messaggi: 63

MessaggioInviato: Gio Nov 13, 2008 7:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ricodate, solo poco tempo fa (in termini storici), quando tutte le nefandezze di questo nostro Paese erano imputate tutte ad un'unico,
gobbuto, personaggio politico?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Storia Militare e Navale Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum

Powered by phpBB 2.0.13 © 2001 phpBB Group



www.marescoop.com
The Daily News of the Sea - Il Quotidiano del Mare
Publisher & Editor: Marcello Toja
Web site engine's code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.286 Secondi. -