Marescoop.com
Welcome to Marescoop.com

Home PageForumsDownloadsLinksArgomentiRelittiDownload Utenti Registrati
  Benvenuto Anonimo  Registrati: registrazione gratuita  
--- Ultime Notizie ---|    COMUNICATO IMPORTANTE - 21-03-16    ||    DECOMPRESSIONE: QUELLO CHE NON VI HANNO MAI DETTO E CHE FORSE MAI VI DIRANNO - 13-02-16    ||     - 28-11-15    ||    HAVEN - DUE MORTI E UN FERITO GRAVE - 16-05-15    ||    GLI OCCHI DEL MARE - 08-04-15    ||    LA STORIA INFINITA - 07-04-15    ||    oggi faccio 66 anni - 21-09-14    ||    CODICE ROSSO! SERVE L'ELICOTTERO - 12-11-13    ||    LA CONCORDIA EMERGE DALLE ACQUE DEL GIGLIO - 09-10-13    ||    UNA FESTA DELLA MARINERIA MONDIALE - 08-10-13    |------
  Utenti Nuove Registrazioni
Benvenuto, Anonimo, registrarsi è gratis
Nickname
Password



Iscrizione:
Ultimo: Check the profile of antonio antonio
Registrati oggi: 0
Registrati ieri: 0
Complessivo: 3691

Persone Online:
Visitatori: 163
Iscritti: 0
Nascosti: 0
Totale: 163


Ultimi iscritti
   antonio  +++  Andre88  nik94  zose
  FORUM
Last 20 Forum Messages

Lucciole per lanterne
Last post by grongo in L'esperto Risponde on Jan 04, 2022 at 23:32:38

coronavirus
Last post by grongo in L'esperto Risponde on Mar 02, 2020 at 18:49:35

ordinanze su configurazione
Last post by grongo in Leggi Decreti Disposizioni on Apr 12, 2019 at 17:06:23

CECITA' DA DISATTENZIONE
Last post by grongo in L'esperto Risponde on Aug 01, 2017 at 15:48:27

Incidente a Ustica con rebreather
Last post by delfinobianco in Report Incidenti Subacquei on Jun 16, 2017 at 16:38:19

Articolo relativo a vitamina b6 e amnioarginina
Last post by grongo in Ricreativa on May 16, 2017 at 12:41:59

Articolo su Nave Costa Concordia
Last post by maryj in Storia Militare e Navale on Mar 12, 2017 at 12:26:53

Nuova tragedia a Palinuro - 3 sub perdono la vita
Last post by Ferry in Report Incidenti Subacquei on Aug 22, 2016 at 14:29:00

Latina Foce Verde
Last post by mandatrix in Report Incidenti Subacquei on Jul 17, 2016 at 16:21:48

douglas C-47 dakota
Last post by bube in Relitti on Jun 23, 2016 at 10:41:15

ritrovato sottomarino inglese
Last post by bube in Relitti on May 26, 2016 at 14:14:33

Morte Wes Skyles - Caso approda in Tribunale
Last post by maryj in Rebreather on May 21, 2016 at 10:40:16

Sensore O2 non galvanico (Solid State)
Last post by maryj in Rebreather on Apr 23, 2016 at 09:27:20

incidente sub
Last post by bube in Report Incidenti Subacquei on Apr 21, 2016 at 10:50:40

L.B.
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Apr 18, 2016 at 22:09:16

Anche quelli col turbante si fanno beffe dell'Italietta e de
Last post by maryj in Storia Militare e Navale on Apr 08, 2016 at 12:32:21

relitto evdochia
Last post by grongo in Report Incidenti Subacquei on Apr 02, 2016 at 10:35:19

www.edicolamarescoop.com
Last post by maryj in Comunicazioni on Mar 08, 2016 at 18:10:47

Scompare
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Mar 06, 2016 at 14:29:37

364 morti da rebreather
Last post by maryj in Report Incidenti Subacquei on Feb 21, 2016 at 22:47:18


[ Marescoop.com ]
  Gestione Utenti
Al momento c'è un problema con questo blocco.
  Argomenti Trattati
· Annunci economici - proposte affare
· Leggi e Disposizioni sulla Subacquea
· News per Apnea
· Notizie di cronaca subacquea e non
· Notizie Meteo per subacquei
· Offshore e subacquea professionale
· Recensioni Libri Video Sub
· Relitti e Storia
· Speleologia subacquea
· Subacquea sportiva profonda e/o tecnica
· Tecnologia e salute
  Contatti
Direttore

Moderatori
  
Marescoop.com: Forums

www.marescoop.com :: Leggi il Topic - Saldanha Bay - West Coast Commercial Diving School
 FAQFAQ   CercaCerca   Gruppi utentiGruppi utenti   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Saldanha Bay - West Coast Commercial Diving School
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> OTS Filo Diretto
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
capitanventosa
Marinaio
Marinaio


Registrato: Jun 23, 2006
Messaggi: 62

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 12:36 am    Oggetto: Rispondi citando

Caro CSS
Carta canta.
Il discorso del Sig. Esentato fotografa in modo esaustivo la realta'del mercato offshore.
Secondo il tuo punto di vista se una ditta ha bisogno di reclutare del personale da mandare in un cantiere,e si presentano due candidati uno dei quali ha esperienza ma nn ha i certificati idonei mentre l'altro e' appena brevettato IMCA,
quali dei 2 ha + possibilita che venga chiamato?
Fa' bene Syraka a frequentare un corso riconosciuto dall IMCA
Secondo me hai sbagliato a lavorare per 15 anni senza essere neppure brevettato OTS.
Hai affidato la tua vita in mano ad altre persone.
Ed inoltre hai perso anche tanti soldi.
Un consiglio..
fai un cross over IMCA
credimi ,farai un bel salto di qualita'
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
CSS
Mozzo
Mozzo


Registrato: Dec 31, 2007
Messaggi: 32
Località: Cagliari - Sardegna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 10:25 am    Oggetto: OTS qualificati Rispondi citando

Meglio tardi che mai! Posso assicurare che mi sono qualificato così tardi solo perchè prima non ho mai avuto la possibilità: in ogni caso ho fatto lavorare per me ( e al mio fianco) solo personale qualificato (parte di loro non aveva la ben che minima idea di cosa volesse dire essere OTS). Sono orgoglioso della mia carriera di OTS e ritengo di essere un professionista, anche se ho raggiunto dopo 15 anni quello che ho desiderato da ragazzo. Ad ogni modo ho potuto constattare che in Italia ci sono diverse società (On-Shore) che prediligono personale non qualificato ma con esperienza (vedi Tecno...). Sarei il primo a rendere obbligatorio per iniziare l'ordinanza n°77 del '92 di Ravenna a livello nazionale e obbligare tutti quelli che eseguono o fanno eseguire lavori subquei le specifiche dell' AISI che può ritenersi di essere un valido supporto per le società SERIE..... ma siamo in Italia e potrebbe rimanere tutto un sogno. Spero di poter conoscere il Sig. Esentato di persona prima o poi...... Twisted Evil
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
CSS
Mozzo
Mozzo


Registrato: Dec 31, 2007
Messaggi: 32
Località: Cagliari - Sardegna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 1:50 pm    Oggetto: Crosso IMCA Rispondi citando

(1) La mia vita è stata sempre affidata a me stesso. (2) Non credo di aver preso meno soldi di un OTS. (3) I lavori sono stati sempre eseguiti con la massima professionalità e qualità............ E' nel mio programma fare al più presto un cross-over IMCA, ma tutt'ora o altri impegni..... Spero anche che in Italia ci sia prima o poi la possibilità di fare i corsi IMCA: ma secondo me cè da aspettare altri 15 anni! Nell' attesa prendiamo quello che il mercato passa: sempre nel rispetto della normativa italiana.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
giovanni_esentato
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Aug 11, 2006
Messaggi: 218
Località: Ravenna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 2:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

La realtà di CSS è una condizione che in passato era molto diffusa e non c'è da criminalizzare nessuno. la responsabilità è sempre nella carenza di controlli che lo Stato dovrebbe avere come consuetudine e routine costante. Ciò avrebbe obbligato un po' tutti ad un più attento rispetto della legge. però una cosa è da dire: caro CSS se non eri "qualificabile" come OTS (sommozzatore o palombaro) come eri inquadrato? Metalmeccanico? Edile? Marittimo? Ed il tuo livello contributivo e fiscale era coerente con lo "stipendio"? Ti era riconosciuta una indennità di immersione "oltre" allo stipendio da metalmeccanco, o edile o da marittimo? E se sì... con quali parametri? L'azienda per la quale lavoravi senza la qualifica da OTS versava il premio assicurativo obbligatorio (INAIL) coerentemente all'effettivo lavoro che svolgevi?... Ti spiego... se tu eri metalmeccanico... e ti "beccavi" una MDD rischiavi di non percepire una lira dall'INAIL poiché il profilo assicurativo dell'azienda probabilmente non eraa compatibile con quello che effettivamente andavi a fare tutti i giorni. Faccio questa notazione per rappresentare quante sono le mancanze non solo amministrative a cui si espone un datore di lavoro che non "mette in regola" il profilo di un lavoratore. Qualunque cosa faccia. Ed in particolare se questi svolge una mansione con un rischio insito alto.
Io conosco non bene queste realtà: le conosco BENISSIMO. Le ho combattute da oltre 30 anni fa da sommozzatore. Continuo a farlo da segretario di associazione di categoria IMPRENDITORIALE con qurele ed esposti alle autorità competenti. Senza guardare in faccia a nessuno. Questo perché ritengo che il primo dovere di un datore di lavoro sia la tutela del proprio personale. Così come tiene cura di un prezioso strumento di lavoro. Se non è in grado di farlo o, peggio, non vuole farlo... che cambi mestiere. Le aziende che rappresento hanno in cima alla lista delle loro priorità la qualificazione del personale, il suo ottimale utilizzo, la crescita professionale di costoro che significa - senza falsi buonismi - crescita aziendale e della qualità dei servizi offerti alla clientela.
CSS comprendo la tua visione delle cose che nasce da un percorso di lavoro e di esperienza che, evidentemente, non è stato un cammino facile e in discesa. Ma è sopratutto per questo che occorre dare ai giovani una strada migliore della nostra ed evitare a loro gli errori che noi abbiamo fatto. Chi inizia questo mestiere deve iniziarlo al meglio. Altrimenti si rischia quello che è successo a te: anni ed anni prima di potersi qualificare. Ed il tutto per una serie di motivi che vanno dalla disponibilità del tempo (il ritmo del lavoro... non ti consente distrazioni... e perdite di tempo) alle questioni economiche. Ne deriva che occore considerare da subito le migliori condizioni di qualificazioni che ti aprono le porte del mercato. Altrimenti si finisce in un vortice "mediocre" dal quale poi è difficile uscire. Vita vissuta.
_________________
giovanni esentato - segretario AISI
contatto SKYPE: esentatoaisi - http://www.assoimpresesub.it - info@assoimpresesub.it - http://www.facebook.com/profile.php?id=1161196777&ref=profile#/group.php?gid=43823888801&ref=mf
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
CSS
Mozzo
Mozzo


Registrato: Dec 31, 2007
Messaggi: 32
Località: Cagliari - Sardegna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 2:52 pm    Oggetto: OTS e normattiva Rispondi citando

Parole sante e giuste.... Io sono il primo ad affermare che mi sarebbe servito subito una qualificazione..... ma il tempo, la possibilità sono stati miei nemici. Per quanto riguarda lavoravo per me stesso (la mia società) che eseguiva lavori per conto di altre società (anche grosse) nel campo dei i lavori subacquei, marittimi e di dragaggio che fanno parte tutte di una grande categoria.
La relatà di cui lei parla è ancora presente in molte parti d'Italia, questo perchè non cè un organismo di attestazione o di categoria che tuteli le società e gli operatori. Nel mercato cè bisogno di più controlli, normattive e di persone competenti che se ne preoccupino........ ma per ora nel resto d' Italia è tutto un casino, tranne in adriatico, dove le soicetà lavorano con metodi diversi e giustamente cercano personale IMCA anche per i lavori dove quella qualifica non è richiesta dalla legge.......
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
giovanni_esentato
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Aug 11, 2006
Messaggi: 218
Località: Ravenna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 4:29 pm    Oggetto: Re: OTS e normattiva Rispondi citando

CSS ha scritto:
Parole sante e giuste.... Io sono il primo ad affermare che mi sarebbe servito subito una qualificazione..... ma il tempo, la possibilità sono stati miei nemici. Per quanto riguarda lavoravo per me stesso (la mia società) che eseguiva lavori per conto di altre società (anche grosse) nel campo dei i lavori subacquei, marittimi e di dragaggio che fanno parte tutte di una grande categoria.
La relatà di cui lei parla è ancora presente in molte parti d'Italia, questo perchè non cè un organismo di attestazione o di categoria che tuteli le società e gli operatori. Nel mercato cè bisogno di più controlli, normattive e di persone competenti che se ne preoccupino........ ma per ora nel resto d' Italia è tutto un casino, tranne in adriatico, dove le soicetà lavorano con metodi diversi e giustamente cercano personale IMCA anche per i lavori dove quella qualifica non è richiesta dalla legge.......


Approfitto di questo post per fare un po' di chiarezza e definire alcune attività di AISI in relazione alle "certificazioni". Le aziende (srl, spa, snc, coop), come gli operatori (free-lance, dipendenti, titolari di aziende a nome individuale etc) sono sì tenute al rispetto delle leggi esistenti e a carattere "cogente erga omnes" (obbligatorie per tutti). Ma sono anche tenute all'applicazione del migliore Stato dell'Arte per la buona esecuzione e riuscita dei lavori. Ciò per le normali regole del mercato ma, soprattutto, per il buon senso e la responsabilità riguardo alla salvaguardia della vita umana. In virtù di questo fattore TUTTI sono obbligati al rispetto delle misure operative minime standard nella esecuzione di lavori subacquei. Queste misure sono, appunto, lo "Stato dell'Arte" raccolto in un volume che in Italia è stato redatto da AISI. Esso si chiama "Procedure Operative per la Sicurezza nei Lavori Subacquei ed Iperbarici". Chi esegue lavori subacquei ed attività iperbariche di supporto al lavoro subacqueo fuori da quello standard lo fa assumendosi la responsabilità di chi non adopera lo stato dell'arte. AISI, in qualità di associazione di categoria imprenditoriale, ha il diritto-dovere di vigilare affinché quello standard sia applicato in tutte le attività subacquee ed iperbariche. Questo diritto-dovere appartiene ad ogni cittadino italiano ed in particolare a coloro che per la loro attività hanno responsabilità sulla sicurezza delle risorse umane impegnate in attività lavorative. Questo è stato più volte ribadito dal Capo dello Stato in occasione di incidenti che hanno funestato frequentemente le cronache sindacali. AISI ha inteso fare proprio l'appello del Capo dello Stato che esorta alla vigilanza e alla cooperazione per l'acquisizione di un alto livello di sicurezza per i lavoratori. Questo è la base dell'essere "associazione" di AISI. E non è un discorso corporativo e a tutela dei datori di lavoro. E' una tematica aperta a tutti gli operatori subacquei ed iperbarici, siano essi imprenditori che lavoratori. Per questo motivo AISI ha - inoltre - intrapreso una serie di iniziative che si concretizzeranno nel corso dell'anno a favore della "certificazione di qualità" e a favore degli operatori con dei corsi di aggiornamento per la sicurezza e la informazione sulla certificazione di qualità della sicurezz antinfortunistica. Tali aggiornamenti faranno parte di crediti formativi e di requisiti da aggiungere ai curriculum vite che le aziende prenderanno in considerazione. Inoltre AISI ha intenzione di aprire l'adesione anche ai singoli operatori subacquei (è allo studio la necessaria formula statutaria e normativa che sarà sottoposta al vaglio dei Soci AISI) sviluppando con essi tematiche per la realizzazione di un contratto collettivo nazionale eda altre iniziative con l'ambizioso obiettivo di portare il profilo degli OTS italiani a divenire punto focale e centrale del diving industriale europeo ed internazionale.
_________________
giovanni esentato - segretario AISI
contatto SKYPE: esentatoaisi - http://www.assoimpresesub.it - info@assoimpresesub.it - http://www.facebook.com/profile.php?id=1161196777&ref=profile#/group.php?gid=43823888801&ref=mf
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
CSS
Mozzo
Mozzo


Registrato: Dec 31, 2007
Messaggi: 32
Località: Cagliari - Sardegna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 4:45 pm    Oggetto: Normattiva Rispondi citando

Speriamo che presto si concretizzi una tale normattiva di tuttela dei lavoratori e dei dattori di lavoro. Prima di tutto la sicurezza nei cantieri, la qualificazione e i corsi di aggiornamneto sulle tecniche e attrezzature.... allora si potrà parlare di compettività dei Diver Italiani, ma per ora non ho visto grossi miglioramenti.
Io appoggio di prima persona le sue parole e il Vs lavoro come AISI e spero di essere al più presto in grado di iscrivermi alla Vs associazione, nella speranza che questo sia uno spunto per molti altri operatori e tecnici del Ns settore.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
acromion
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Mar 26, 2006
Messaggi: 230
Località: cagliari

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 5:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

dal punto di vista inshore siamo indietro...
finchè ci son ditte che prendono la gente solo perchè han figli o mutui così che...
deve/dovrebbe innanzi tutto cambiare la mentalità degli operanti del settore...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
CSS
Mozzo
Mozzo


Registrato: Dec 31, 2007
Messaggi: 32
Località: Cagliari - Sardegna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 5:29 pm    Oggetto: Normativa OTS Rispondi citando

Per ora non cè soluzione, l'interesse delle grosse Società e sul lavoro Off-Shore. La normattiva da fare è una cosa difficile, i lavori On-Shore sono poco considerati dalla "categoria" nessuno si vuole sporcare la muta con il cemento........... Servirebbe un codice ettico di autoregolamentazione su cui TUTTI facciano riferimento, ma siamo in Italia e questo rimane un utopia........ Io combatto ancora con i Cozzari e la CP mi dice che hanno famiglia!..... e io?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
giovanni_esentato
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Aug 11, 2006
Messaggi: 218
Località: Ravenna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 5:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

acromion ha scritto:
dal punto di vista inshore siamo indietro...
finchè ci son ditte che prendono la gente solo perchè han figli o mutui così che...
deve/dovrebbe innanzi tutto cambiare la mentalità degli operanti del settore...


caro Acromion, siamo noi (per NOI intendo operatori del settore, dalle imprese ai singoli operatori) che ci dobbiamo attivare per migliorare il nostro stesso settore. Ognuno per le proprie possibilità e capacità. Le soluzioni non scendono dal cielo.... dobbiamo costruirle da noi. Seguendo un metodo ed un sistema "scientifico" che faccia riferimento alle esperienze costruite da organismi quali la IMCA. Come ho già scritto in precedenti post.. la IMCA è un'associazione di privati. Esattamente come AISI. Nulla di più. Ma ha saputo darsi un assetto condiviso da tutti, o quasi, i protagonisti del mondo offshore internazionale. E le suel "linee-guide" sono divenute lo standard internaazionale accettato in tutte (o quasi) le clausole di contratto. Ed appunto quando la "norma" diviene clausola contrattuale è più "obbligatoria" poiché travalica i limiti della giurisdizione nazionale. AISI sta facendo la stessa cosa. Cone le difficoltà dovute ad una mentalità burocrate dei nostri funzionari governativi, con il pessimismo di chi aspetta soluzioni che vengono "imposte" dall'alto, con i luoghi comuni ela disinformazione che sono figli di una superficilità nelle analisi delle cose e della situazione. E, non ultimo, della difficoltà di far comprendere ai più che l'unica via per vivere questo mestiere in maniera professionale, duraturo e produttivo è l'associativismo, la partecipazione alle tematiche, la condivisione, la ricerca della qualità, l'etica professionale, il raffronto con le esperienze di chi ci ha preceduto, la ricerca di novi sbocchi di mercato internazionale. Questo è AISI. Fintanto che a capo di questa organizzazione ci sono uomini come Adolfo Magrin e, molto più umilmente, il sottoscritto.
_________________
giovanni esentato - segretario AISI
contatto SKYPE: esentatoaisi - http://www.assoimpresesub.it - info@assoimpresesub.it - http://www.facebook.com/profile.php?id=1161196777&ref=profile#/group.php?gid=43823888801&ref=mf
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
CSS
Mozzo
Mozzo


Registrato: Dec 31, 2007
Messaggi: 32
Località: Cagliari - Sardegna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 5:50 pm    Oggetto: Associazionanismo Italiano Rispondi citando

BRAVO! ma in Italia qualche d'uno pensa solo alla propria pagnotta e se lo può fare la mette anche in c... a chi può... forze dell' ordine e istituzioni burocratiche comprese. Se non si riesce a dare una svolta da subito, magari partendo dalla formazione rimaniamo sempre l' ultima ruota del carro, pur avendo e voi avete... OTTIMA INIZIATIVA!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
giovanni_esentato
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Aug 11, 2006
Messaggi: 218
Località: Ravenna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 5:57 pm    Oggetto: Re: Normativa OTS Rispondi citando

CSS ha scritto:
Per ora non cè soluzione, l'interesse delle grosse Società e sul lavoro Off-Shore. La normattiva da fare è una cosa difficile, i lavori On-Shore sono poco considerati dalla "categoria" nessuno si vuole sporcare la muta con il cemento........... Servirebbe un codice ettico di autoregolamentazione su cui TUTTI facciano riferimento, ma siamo in Italia e questo rimane un utopia........ Io combatto ancora con i Cozzari e la CP mi dice che hanno famiglia!..... e io?


Cosa significa che la "CP dice che hanno famiglia"? Cioè che la CP "copre" qualcuno che avendo famiglia compie uno o più reati?
E' questo, caro css, che non va... Questo atteggiamento vittimistico (tipico di noi meridionali) nel riversare su altri responsabilità del malaffare... quando siamo talvolta noi stessi (per bisogno, ovviamente) con il nostro silenzio a facilitare la via al malaffare e alla illegalità. Non credo che la CP copra le mancanze di qualcuno. E se lo fa... a me basta sapere come, dove e quando... al resto pensa il nostro ufficio legale. ma non credo. Io credo, piuttosto, che sia necessario - così come stiamo facendo - un lungo lavoro di sensibilizzazione e di educazione al "fare impresa". ognuno per il suo livello. Anche quello dei "cozzari", che in altre parti d'Europa hanno dignità di "diving onshore". Ma semplicemente perché hanno avuto fiducia in un organismo che li rappresenta. ed assieme a qeusto organismo ha lavorato per realizzare quelle condizioni chiare e bilaterali (Stato-Privato) che assegna ruoli, mansioni, procedure, diritti e doveri. Ma, ripeto, occorre FARE piuttosto che PIANGERE. Ed AISI è in quella direzione.
_________________
giovanni esentato - segretario AISI
contatto SKYPE: esentatoaisi - http://www.assoimpresesub.it - info@assoimpresesub.it - http://www.facebook.com/profile.php?id=1161196777&ref=profile#/group.php?gid=43823888801&ref=mf
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
acromion
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Mar 26, 2006
Messaggi: 230
Località: cagliari

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 6:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

css ha colto nello specifico uno dei tanti aspetti del lavoro inshore...
per quanto mi riguarda ben felice che arrivi imca in italia...
ma ome dici tu,giovanni,è chi fà parte del settore che deve darsi"una regolata"...
io di mio ho fatto e facio il possibile per rispettare le leggi vigenti ed impormi norme di comportamento professionali ... ho fatto un corso...ho un brevetto..sono regolarmente iscritto in capitaneria...lavoro inshore non in nero e cerco lavoro offshore ....tutto questo rispettando le regole e quello che sono le gerarchie e le"consuetudini" del settore....

spesso non basta...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
CSS
Mozzo
Mozzo


Registrato: Dec 31, 2007
Messaggi: 32
Località: Cagliari - Sardegna

MessaggioInviato: Mer Gen 02, 2008 6:12 pm    Oggetto: Sicurezza sul lavoro Rispondi citando

Faccio al Sig. Giovanni Esentato un quesito....(forum sicurezza sul lavoro) visto che si parlava di uffico legale e di informazione.
Rimando al forum sicurezza sul lavoro che è molto interessante e pieno di belle parole. Grazie
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
giovanni_esentato
Marinaio Scelto
Marinaio Scelto


Registrato: Aug 11, 2006
Messaggi: 218
Località: Ravenna

MessaggioInviato: Gio Gen 03, 2008 12:07 am    Oggetto: Rispondi citando

E la risposta è nelforum "sicurezza sul lavoro".
_________________
giovanni esentato - segretario AISI
contatto SKYPE: esentatoaisi - http://www.assoimpresesub.it - info@assoimpresesub.it - http://www.facebook.com/profile.php?id=1161196777&ref=profile#/group.php?gid=43823888801&ref=mf
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> OTS Filo Diretto Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 3 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum

Powered by phpBB 2.0.13 © 2001 phpBB Group



www.marescoop.com
The Daily News of the Sea - Il Quotidiano del Mare
Publisher & Editor: Marcello Toja
Web site engine's code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.227 Secondi. -